The PepiBand Panic

the pepiband panic

Chi è la The PepiBand? Da dove salta fuori? Direttamente dalle ceneri dei Twig Infection, gruppo che ha avuto qualche attimo di notorietà in ambito underground alcuni anni fa, i siracusani Enzo Pepi e Marco Caruso formano nel 2003 i The PepiBand, band dal nome piuttosto bruttino a mio modo di vedere (non me ne voglia Enzo Pepi, ma non ha un cognome che “tira”). Dopo 7 anni di convivenza insieme ad Alessandro Formica e con l’ultimo arrivato, nel 2004, Giuseppe Forte, la band pubblica “Panic” un cd molto interessante e forse il primo che mi è capitato sottomano, tra gli emergenti di Jamyourself, a proporre delle sonorità post-rock, noise-rock e dreampop. I 10 pezzi che compongono il cd ci portano indietro nel tempo, quello che sentiamo sono rimandi ai Pixies, agli American Football per il lato “emo” (non le puttanate odierne, con i ragazzini che si vestono in maniera improponibile e si sentono, ahiloro, disperati, ma l'”emotional” serio, quello fatto bene) e anche agli Slint, oltre ai Melvins o ai Fugazi, per esempio.

Il risultato è una ricercata alchimia, ordinata ma insolita, non sentiremo mai il pezzo radiofonico né melodie strappa mutande anzi, alcuni brani hanno un andamento incerto e alcuni sono (quasi) interamente strumentali, ma il tutto è eterogeneo e convincente. “Panic” non è certo un album nel quale al primo impatto si può cogliere l’intera serie di sfaccettature di cui è composto, ma con gli ascolti prende e si fa scoprire piacevolmente. Il lato post-rock è presente soprattutto in due brani, i più lunghi del cd, ovvero “I like Fasolino” e “Eyes“, ma anche qui lo stile non è quello dei gruppi odierni che propongono questo tipo di musica. Qui i pezzi sono delicati, a volte sussurrati, con soluzioni melodiche sognanti e quasi fragili, caratteristica presente anche nelle più schiette “Helen” o “5%“. Un disco stimolante, da sentire e scoprire.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.