Music Attitude

The Heavy Countdown #33: Alpha Wolf, Decapitated, Silverstein, Integrity

alpha-wolf-mono

Alpha Wolf – Mono
“Mono” potrebbe essere un concept album sulla solitudine e sulla depressione, dipinte con tratti crudi e taglienti, a suon di metalcore sporcato di nu metal. Il debutto degli australiani Alpha Wolf è un disco incattivito dalla schifo della vita, ma che quando meno te lo aspetti ti tira fuori la melodia killer (“Golden Fate: Gut Ache”), per poi continuare a tormentarsi a suon di atmosfere da film horror (“Epiphobia”). Da ascoltare assolutamente.

Dayseeker – Dreaming Is Sinking / Waking Is Rising
Esiste un ibrido tra Architects e Too Close Too Touch? La risposta è sì, e risponde al nome di Dayseeker. Il quintetto made in USA torna in pista con la sua fatica numero tre, “Dreaming Is Sinking / Waking Is Rising”, e mentre è vero che abbiamo già sentito una “Vultures” piuttosto che una “Desolate” un miliardo di volte, è altrettanto vero che, se le cose sono fatte con tutti i crismi come in questo caso, repetita iuvant.

The Sun Explodes – We Are Of These Walls
Prog metal bello fresco e senza troppi sbattimenti quello dei The Sun Explodes. “We Are Of These Walls” è un lavoro coinvolgente e fluido, energico e ben bilanciato, ed estremamente variegato, spaziando dalle melodie accattivanti, al djent, ai riff strutturati ma mai astrusi. E il bello e che in tutta questa sovrabbondanza, i Nostri riescono a mantenere una coerenza di fondo che rende questa release solida a sufficienza per rimanere nella mia library ancora a lungo.

Killset – S.T.F.U.
Da quando il nu metal è tornato di moda sono la donna più felice del mondo. Tra le “nu” entry del revival possiamo ascrivere i Killset con il loro nuovo di zecca “S.T.F.U.”. Ma a non convincermi del tutto è la doppia natura del quartetto statunitense: da un lato, sono divertenti e terapeutici quando fanno i tamarri, buttando in campo anche un pizzico di rapcore (“Killers in the Pit”), dall’altro invece, quando fanno i romanticoni (“Broken Angel”) sono credibili come il lupo cattivo vestito da nonna di Cappuccetto Rosso.

Decapitated – Anticult
I Decapitated sono una garanzia del death metal. E continueranno ad esserlo anche dopo l’ascolto di “Anticult”. Sebbene alcuni pezzi – tra i quali, manco a farlo apposta, proprio i singoli – siano leggermente più aperti alla melodia rispetto al passato (“Earth Scar” e “Never”), i fan della vecchia maniera non avranno nulla da temere, perché il resto del disco picchia davvero duro. Ma i Nostri, gradualmente e senza deludere nessuno, sembra che vogliano tastare il terreno per qualche novità futura. Staremo a vedere.

Silverstein – Dead Reflection
I Silverstein sono tutto ciò che ci si può aspettare da una band post-hardcore nella media. Infatti riescono a soppesare e miscelare sapientemente melodia ed energia, e si abbandonano spesso e volentieri al pop (vedi “Aquamarine”). Insomma, in una carriera ormai quasi ventennale e con otto dischi alle spalle, la formazione canadese continua a dire la sua cadendo a volte (inevitabilmente) nel banale, ma sfornando un lavoro gradevole e di buona fattura, anche se non stravolgente.

Decrepit Birth – Axis Mundi
Tornano dopo ben sette anni i Decrepit Birth, combo devastante e capace in pochi dischi di costruirsi seguito e credibilità nell’underground death metal. “Axis Mundi” dividerà i fan, grazie a un approccio meno intricato e più diretto e canonicamente brutal (canzoni come “Ebryogenesis” purtroppo sono episodi isolati questa volta) rispetto al passato. Un segnale di vita tuttavia, da un gruppo che era davvero interessantissimo e che ha forse perso il momento giusto per emergere. Vedremo quali saranno le loro prossime mosse (p.s.).

Integrity – Howling, for The Nightmare Shall Consume
Veterani attivi fin dagli ultimi anni ’80, gli Integrity hanno da sempre proposto un hardcore sporcato di thrash, ma ben lontano da band tipo i D.R.I., tanto per dirne una. Per Dwid Hellion e soci infatti è più divertente scavare nelle atmosfere dark e nel misticismo, come dimostra “Howling, for The Nightmare Shall Consume”. Ma ai Nostri piace anche gingillarsi con l’old school heavy metal alla Iron Maiden (“Die With Your Boots On”) e con le sonorità simil Metallica prima maniera (“Serpent of the Crossroads”).

Bad Sign – Live & Learn
Se i Bad Sign mantengono le promesse fatte con questo “Live & Learn” gliene saremo grati in eterno. Nel primo full-length, la band riesce a buttare in campo un ottimo vocalist con un’altrettanto interessante estensione vocale, un songwriting intelligente, melodie catchy e buoni riff. Ma siccome il panorama alternative è già (sovr)affollato, manca solo la ciliegina sulla torta: un pizzico di polso in più, di cui, sono sicura, i Bad Sign non difettano. Che stiano aspettando il secondo album per dimostrarcelo? Chi vivrà vedrà.

Rising Insane – Nation
Ancora prima di leggere la bio dei Rising Insane avevo capito che fossero tedeschi. Sì, perché i Nostri sono inquadratissimi. Il loro metalcore/post-hardcore è piuttosto incasellato negli stilemi del genere senza prendersi alcuna licenza poetica. Ma essendo “Nation” il debutto del quintetto, sono sicura che i Rising Insane avranno tempo e modo per farsi le ossa e smussare gli angoli. Bisogna vedere solo se ne avranno voglia.

Melvins – A Walk With Love and Death
I prolificissimi Melvins ritornano a un anno di distanza da “Basses Loaded” con il loro primo disco doppio, “A Walk With Love and Death”. La prima parte, “Death”, è il vero e proprio studio album che compone l’opera, e presenta il consueto stoner/sludge, spruzzato qua e là di punk (vedi “What’s Wrong With You?”). “Love” invece è la colonna sonora di un corto diretto da Jesse Nieminen. Per farla breve, un coacervo di sperimentazione avant-garde che metterebbe a dura prova la pazienza di un santo.

Origin – Unparalleled Universe
Brutto (non brutal, brutto proprio) tech-death per gli Origin, che ci fracassano i timpani con una proposta fin troppo precisa e il più delle volte meccanica e artificiosa. “Unparalleled Universe” è un susseguirsi continuo di virtuosismi fini a se stessi, con riff sparati alla velocità della luce e il martellare costante a mo’ di metronomo della batteria. Diciamo che è un disco di seghe, se mi passate il termine.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.