Music Attitude

Bon Jovi, il 2 ottobre uscirà il tanto atteso nuovo album 2020. Fuori ora il nuovo singolo Do What You Can

bon jovi 2020 new album do what you can

Come tutto il resto del mondo, Bon Jovi, band presente nella Rock and Roll Hall of Fame, erano stati obbligati a dare un brusco stop al loro il tour mondiale e a posticipare l’attesissimo album.

Il tanto atteso annuncio arriva oggi, giovedì 23 luglio: il loro nuovo album “2020” verrà pubblicato il 2 ottobre 2020 (preordinalo qui: https://BonJovi.lnk.to/2020-PreOrder). La band ha inoltre pubblicato un nuovo singolo “Do What You Can” (ascoltalo qui: https://BonJovi.lnk.to/DoWhatYouCan-RadioEdit), in rotazione radiofonica da domani.

2020”, la cui uscita era prevista lo scoro 15 maggio, è un album che riporta la band ad un rock più ricco e profondo, a partire dal titolo che dopo la pandemia assume un tono ancora più drammatico, ma che inizialmente era stato deciso per l’importanza delle elezioni presidenziali ameicane che si terranno il prossimo autunno. Insieme all’America e al suo pubblico, Jon si è trovato inaspettatamente a vivere la pandemia del coronavirus, che ha scosso tutto il mondo, seguita poi in breve tempo dagli sconcertanti eventi legati alla morte di George Floyd e alle conseguenti proteste per l’uguaglianza razziale. L’artista ha quindi capito che ci fosse molto di più da raccontare sul 2020. Registrate in uno studio casalingo, sono quindi nate due nuove canzoni: “American Reckoning” e “Do What You Can”, dedicate a questi fatti e che rendono questo progetto davvero completo.

Sono testimone di vicende che cambieranno la storia”, ha commentato Jon Bon Jovi. “Credo che il più grande regalo che possa fare un artista al suo pubblico sia di mettere a disposizione la propria voce per parlare dei problemi che più ci toccano”.

Jon, che non è nuovo ad importanti azioni umanitarie, ha speso il periodo iniziale della quarantena fornendo pasti a chi ne avesse bisogno presso la JBJ Soul Kitchen Community Restaurant in Red Bank, NJ. Autonominatosi “lavapiatti da hall-of-fame”, Jon è stato immortalato da sua moglie Dorothea in una foto che è stata successivamente postata sui social con la caption “If You Can’t Do What You Do… Do What You Can” (“Se non puoi fare quello che fai… fai ciò che puoi”). Questa frase è stata lo spunto che ha dato ispirazione all’artista, che ha realizzato la canzone immediatamente il giorno successivo. Nello spirito di solidarietà collettiva che si era creata nelle primissime settimane di quarantena, invece che pubblicare la canzone completa, Jon ha chiesto ai fan di partecipare e di scrivere un verso in cui raccontare la propria storia. L’artista ha cantato la prima strofa e il ritornello, e ha ricevuto migliaia di creazioni del suo pubblico, tutte commoventi, in un flusso di risposte attraverso l’hashtag #DoWhatYouCan.

Nessuna band ha dimostrato più empatia con la sua gente, dando speranza in un periodo di incertezze e assicurando un attimo di conforto ai fan durante le prime settimane di pandemia” ha commentato sull’impatto che la band ha avuto in quei giorni.

La versione finale di “Do What You Can” scritta da Jon Bon Jovi, è stata eseguita acusticamente per la prima volta nello speciale di beneficenza volute dalla Rockstar Jersey4Jersey, in cui sono stati raccolti 6 milioni di dollari per lo stato che è stato duramente colpito dalla pandemia. Nelle settimane successive, la band al completo è stata in grado di registrare la canzone in uno studio, così da poterla aggiungere all’album in uscita.

Qui di seguito la tracklist di “2020”, con gli autori per ogni brano:

Limitless (Jon Bon Jovi, Billy Falcon, John Shanks)

Do What You Can (Jon Bon Jovi)

American Reckoning (Jon Bon Jovi)

Beautiful Drug (Jon Bon Jovi, Billy Falcon, John Shanks)

Story of Love (Jon Bon Jovi)

Let It Rain (Jon Bon Jovi)

Lower the Flag (Jon Bon Jovi)

Blood in the Water (Jon Bon Jovi)

Brothers in Arms (Jon Bon Jovi)

Unbroken (Jon Bon Jovi)

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.