Music Attitude

The Heavy Countdown #90: Daniel Tompkins, Chon, Darkthrone, Motionless In White, Upon A Burning Body

daniel-tompkins-castles

Daniel Tompkins – Castles
Partiamo da una delle poche certezze della vita: il talento di Daniel Tompkins è indiscutibile, e nel progressive metal contemporaneo esistono pochi altri vocalist versatili e riconoscibili come lui. Il frontman dei Tesseract quindi non ha bisogno di dimostrare niente a nessuno, avendolo già abbondantemente fatto con la sua band madre e con i suoi progetti paralleli. “Castles” per questo è un’opera ridondante, in cui traspare sì l’estro di Tompkins (soprattutto in “Saved” e “Black the Sun”), ma a cui manca quel guizzo di genialità presente in molti altri lavori a cui l’artista ha partecipato.

Chon – Chon
Un’altra grande verità universale è che l’estate non è veramente estate senza un disco dei Chon. Consci di questo fatto, i Nostri pubblicano album con una certa regolarità, regalandoci visioni pacifiche di spiagge immacolate e cocktail in riva al mare, incorniciate da una colonna sonora math-progressive-core strumentale, in cui compaiono anche spunti free-jazz, (vedi “Petal”) e da cui traspare tutta la tecnica dei californiani, che in questo ultimo omonimo full-length (il terzo in carriera), si fa ancora più matura e godibile.

Darkthrone – Old Star
Ammettiamolo, dai. Il nuovo lavoro dei Darkthrone era tanto atteso quanto temuto, ma per fortuna, in questo caso, possiamo affermare che Fenriz e Nocturno Culto abbiano ancora fame. Una fame che dalla Transilvania si sposta in territori più Eighties, indagando con completezza thrash, doom, death e anche black per carità, pur in una percentuale minore rispetto al resto (prendete “I Muffle Your Inner Choir” o “The Key Is Inside The Wall”). Un’opera eclettica e digeribile anche dai detrattori del black metal, complice una produzione decisamente più curata rispetto al passato.

Motionless In White – Disguise
Se non avete mai potuto soffrire i Motionless In White e il loro teatrino degli orrori non perdete neanche tempo a leggere questa pillola. Se invece, nonostante tutto, siete sempre stati attratti dalla band di Cerulli e soci e dalla sua proposta metalcore intrisa di elettronica e irresistibilmente catchy, approcciate “Disguise” come avete sempre fatto, consci che non sarà il disco della vita, ma che passerete qualche piacevole minuto e altrettanti a cercare di togliervi dalla testa i refrain della maggior parte dei pezzi del nuovo full-length dei MIW (in particolar modo la title track e “Undead Ahead 2: The Tale of the Midnight Ride”).

Upon A Burning Body – Southern Hostility
Siete alla ricerca della musica perfetta per i vostri allenamenti in palestra? Bene, vi trovate nel posto giusto. “Southern Hostility”, il nuovo album dei texani Upon A Burning Body, è infatti una compilation tutta groove e anthemica (“King Of Diamonds” e “All Pride, No Pain” aspettano solo il vostro play), già sentita un miliardo di volte ma a modo suo carica di fascino. Dopo l’esperimento poco riuscito di “Straight from the Barrio” (2016), per il quartetto made in USA si torna alle origini. Scelta molto saggia, aggiungiamo noi.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.