Music Attitude

The Heavy Countdown #89: Destrage, Fleshgod Apocalypse, Deathspell Omega, Of Virtue, Siamese

destrage-the-chosen-one

Destrage – The Chosen One
Mettere in discussione la tecnica ineccepibile e le capacità dei Destrage sarebbe negare l’evidenza, e infatti, “The Chosen One” è l’ennesimo bel disco di Paolo Colavolpe e soci. Pur adottando soluzioni meno rischiose e imprevedibili rispetto alle precedenti pubblicazioni, i Nostri continuano a fondere tra loro metalcore, djent, progressive e hard rock con sempre maggiore convinzione, esplorando anche nella chiusura di “The Gifted One” una vena più solenne ed epica e per certi versi inedita.

Fleshgod Apocalypse – Veleno
Arrivati al quinto full-length in carriera, gli italianissimi Fleshgod Apocalypse si attestano tra le migliori realtà del panorama heavy underground internazionale. Con i suoi elementi sinfonici e orchestrali, supportati da solide radici death metal impreziosite da slanci catchy che fanno risultare questa proposta tutt’altro che indigesta anche a chi è abituato a ben altre sonorità, la band prosegue sulla strada già ampiamente spianata da King (2016). Stratificazioni e opulenza, che si traducono nelle atmosfere cinematiche di pezzi come “Sugar” o “Monnalisa”, giusto per citarne un paio.

Deathspell Omega – The Furnaces of Palingenesia
Sono in molti a pensare che con “The Furnaces of Palingenesia” si chiuda idealmente un cerchio iniziato nel lontano 2010 con “Paracletus”, l’album dei Deathspell Omega che aveva dato origine a un nuovo modo di intendere il black metal. L’ultimo lavoro della formazione francese è come da tradizione oscuro, soffocante, lontano da qualsiasi convenzione, i cui slanci di violenza (“Sacrificial Theopathy”) vengono esaltati dai momenti di quiete apparente (“1523”), regalando all’opera una dinamicità tutt’altro che sgradevole.

Of Virtue – What Defines You
Che cosa fa di noi quello che siamo veramente? Gli Of Virtue provano a rispondere a una tra le domande più difficili che esistano in “What Defines You”, traducendo in musica emozioni, desideri e paure. La band del Michigan si rifà parecchio ai Beartooth, proponendo un melodic metalcore/alternative metal (vedi “Alone”), che si lascia spesso andare al sentimentalismo (“Pictures Of You”) ma non disdegna i pestoni (“I Won’t Break”). Soluzioni già sentite per carità, ma che non fa male a nessuno ascoltare una volta in più (o in meno).

Siamese – Super Human
Chi non muore si rivede. Dopo “Shameless”, i Siamese danno alle stampe “Super Human”, un disco che di soprannaturale ha ben poco, pur lasciandosi ascoltare senza problemi, a patto di farlo con la mente sgombra e soprattutto avendo una certa dimestichezza con il biebercore. Alla stregua del precedente album, ritroviamo l’atteggiamento e le citazioni pop (spesso al limite dell’imbarazzo, come nella opening “B.A.N.A.N.A.S.”), ma è proprio l’episodio che più farà storcere il naso ai puristi, ovvero la title-track intrisa di trap, il migliore del lavoro.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.