[Pop/Leggera] Claudio Baglioni – Quellideglialtri, tutti qui (2006)

[CD1] Cinque minuti e poi (1968) – Io che amo solo te (1962) – Una lacrima sul viso (1964) – Insieme a te non ci sto più (1968) – Non arrossire (1961) – Che cosa c’è (1963) – Arrivederci (1959) – Fortissimo (1966) – Cento giorni (1966) – Il mio mondo (1963) – C’era un ragazzo (1966) – Un giorno dopo l’altro (1966) – Vengo anch’io no tu no (1968) – L’ultima occasione (1965) – Il nostro concerto (Versione moderna) (1960).
[CD2] Se non avessi più te (1965) – Il mondo (1965) – Amore che vieni, amore che vai (1968) – Io che non vivo (1965) – Le strade di notte (1963) – Canzone per te (1968) – Emozioni (1970) – Lontano lontano (1966) – Senza fine (1961) – La canzone dell’amore perduto (1968) – Nel blu dipinto di blu (1959) – Vedrai vedrai (1967) – Se telefonando (1966) – Una miniera (1969) – Il nostro concerto (Versione sinfonica) (1960).

http://www.baglioni.it/
http://www.sonybmg.it/

Continua con “Quellideglialtri, tutti qui” la saga Baglionesca dedicata alla raccolta di grandi successi.
Infatti, dopo “Tutti Qui” e “Gli altri, tutti qui”, collezione definitiva di suoi pezzi più famosi (con la chicca di qualche inedito per i veri intenditori), arriva ora una raccolta (un cofanetto di 2 cd con ben 30 tracce) di altri simboli della musica italiana degli anni ’60, riarrangiati da Paolo Gianolio, che hanno segnato la vita e la carriera musicale di Claudio stesso.
Si parte da “5 minuti e poi” (chi non se la ricorda? … “5 minuti e un jet partirà, portandoti via da me…” … Me la ricordo io che sono del 1979, ndr), passando per “Una lacrima sul viso”, “Non arrossire” di Giorgio Gaber, “Emozioni” di Battisti-Mogol, “Se telefonando”, arrivando niente meno alla storica “Nel blu dipinto di blu”, la canzone italiana per antonomasia.
Il doppio cd è uscito il 20 ottobre e ogni fan di Baglioni, ma anche ogni amante della musica italiana, farebbe bene a non ignorare questa pubblicazione. Ciò che è stato partorito dal genio creativo di Paolo “Paolone” Gianolio unito allo stile inconfondibile di Claudio Baglioni, è un’opera che ai più potrà sembrare fuori moda ma che significherà molto per chi ha vissuto o sogna di rivivere i favolosi Anni Sessanta.

V.R.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.