Wildbirds & Peacedrums – Rhythm

wildbirds-peacedrums-rhythm-recensione

wildbirds-peacedrums-rhythm-recensione

Meglio dirlo subito. Questo disco dei Wildbirds & Peacedrums è praticamente costituito solo da voce e batteria. Ma non c’è da spaventarsi. Vi assicuro. Vi stupirà.

Mariam Wallentin e Andreas Werliin sono una coppia, un sodalizio artistico e sentimentale (sono marito e moglie) che dura da dieci anni e che giunge ora al quarto album. Ancora più che nei lavori precedenti qui si percepisce un’amalgama, uno scambio paritario, una forza trascinante nell’affiatamento che esce in ogni traccia oltre a mostrarsi nella foto di copertina. Dopo tre lavori, ognuno di loro aveva preso una pausa per dedicarsi alla propria inclianzione sonora, lui con il free-jazz made in Norvegia della Fire! Orchestra, lei con un progetto dove poter liberare il lato più pop. E ora rieccoli con un lavoro che rappresenta l’apice della loro carriera, un passo avanti e un ritorno allo sperimentalismo, un uso della tecnica che non risulta mai pesante, un suono raffinato e diretto, un contrasto tra ritmo e melodia quasi lirica, una musica piena di sensualità e di vigore, “così caotica come lo è il mondo attorno a noi”.

“Rhythm” è un lavoro molto arty, certo, ma anche primordiale ed essenziale, riuscendo ad essere semplice e rock. Radicalizza la proposta del duo scandinavo puntando alla ricerca sul ritmo e il suo dialogo/scontro con la voce. Questo binomio ha un profondo piglio blues e sa creare dei veri mantra. I brani a volte tumultuosi e a volte pacati, vivono di tribalismi sprigionando una danza immobile sincopata, avvolgente e ipnotica.

La sorpresa sta nel fatto che i brani siano alla fine tutti talmente pop da appiccicarsi alle orecchie, senza andarsene più. Ve l’avevo detto. Vi stupirà.

Luca Freddi.


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.