Music Attitude

Editors – Violence

editors-violence-recensione

“Violence” è il sesto album degli Editors e proseguimento di “In Dreams” del 2015. Cos’è e cosa non è il nuovo album degli Editors? Non è la detonazione, quella che i fan si aspettano dal momento esatto in cui si sono invaghiti del timbro dark e profondo di Tom Smith, così capace di buttarti con la faccia nella terra ma da lì farti vedere tutte le stelle del firmamento. Non è l’album della consacrazione ad un determinato livello di imperitura gloria all’interno della storia musicale, quello a cui rimangono ben lontani una delle stelle a cui gli Editors sono sempre stati più o meno a sproposito accostati, quella degli U2. Un ridimensionamento che più li avvicina alla parabola dei Coldplay ma senza essere mai nemmeno lontanamente arrivati a vedere sotto i loro palchi quelle folle oceaniche, quella condivisione umana di massa da collocarli a etichetta di una generazione intera.

Gli Editors a quanto pare hanno scelto di intraprendere un percorso personale che li ha portati a mancare la grandezza totale ma a conquistarne una relativa, tutta loro. Benchè in molti passi di Violence sia netta la sensazione che anche loro stessi non siano ancora del tutto rassegnati a vedere la Luna dall’orbita senza mai calpestarne la supercficie sopratutto in canzoni come “Darkness At The Door”, fuori contesto con la sua melodia leggera e scanzonata, canzoni come “Cold” e “Hallelujah (So Low)” sono dei decisi orpelli alla loro attitudine dark che solo dietro una patina oscura lascia intravedere una colloquialità pop.

Le svolte elettroniche della title track sono ardite e apprezzabili in senso assoluto anche se i fan della band cominciano a sentire scricchiolare la convinzione nei propri mezzi e nel proprio percorso della band. E già a metà album inizia tutta una zona d’ombra dove le idee sembrano mancare per affidarsi ad una competenza di maniera acquisita negli anni ma che poco lascia all’ascoltatore occasionale come a chi li segue da sempre. Perchè se “Nothingness” torna ad offrire un po’ di rock e di sonorità strumentali ad amplificarne il carico emozionale,  Magazine” spinge calibrando alla perfezione i suoi elementi al fine di impacchettare un prodotto facilmente vendibile, “No Sound But The Wind” ripropone materiale già sentito in una ballata piano e voce che non arriva così in profondità come si propone, una superficialità che colpisce anche “Counting Spooks” e sopratutto lo scolorita chiusura di “Belong“.

Apprezzare Violence è facile e probabilmente chi non ha mai ascoltato gli Editors guarderebbe con tanto d’occhi chi invece conoscendone le potenzialità storce il naso durante parecchi momenti di questo disco e anche ad ascolto finito e conti fatti. Se gli Editors producono nuova musica senza ringhiare e senza solcare lo strato  musicale di quel determinato momento  è sempre da considerarsi un’occasione mancata e qualche emozione qua e là senza una incoraggiante prospettiva per il futuro della band non può che lasciare l’amaro in bocca.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.