Music Attitude

Feist – Pleasure

feist-pleasure-recensione

Ci sono diversi modi di tornare in scena. C’è a chi piace lasciare indizi, stuzzicando i palati prima della portata principale, oppure chi preferisce l’ingresso con il botto, condito da effetti speciali e da molto rumore. C’è anche chi riesce sollevare un polverone mediatico con un ritorno a sorpresa, proprio quando nessuno se l’aspettava.
 Il ritorno di Feist invece è uno di quelli in punta di piedi: dopo sei anni dall’ultimo album “Metals”, la musicista e cantautrice canadese Leslie Feist torna alla ribalta con “Pleasure”, anticipato dal singolo omonimo e da “Century”, in collaborazione con Jarvis Cocker dei Pulp.

Sembra passato un secolo da “Metals” e sei anni sono tanti sia nella vita di un’artista che quella di un qualsiasi essere umano: “Pleasure” è inevitabilmente un lavoro di introspezione, una riflessione sulla solitudine e sul rapporto con gli altri contemporaneamente.
Al primo ascolto si nota subito il marchio che caratterizza il nuovo album di Feist: il sound di “Pleasure” è grezzo, ruvido. La sua forza sta nel minimalismo e nell’essere essenziale, denudato dal protagonismo del piano di “Metals” e degli elementi orchestrali che rendevano dense le tracce. “Pleasure” è un viaggio intimo, la descrizione in accordi di uno stato d’animo.

Leslie Feist torna quindi in scena senza fare troppo rumore: le prime note di “Pleasure”, l’omonimo brano, emergono dolcemente dal silenzio seguite dalla chitarra in un crescendo continuo. Chitarra e voce sono le protagoniste indiscusse di questo nuovo album: si affrontano in un dialogo continuo, si accompagnano in una dimensione in cui gli accordi diventano sillabe e le corde dello strumento vibrano in sintonia con le corde vocali, condividendo note e silenzi. Gli altri strumenti riempiono il silenzio ma si fanno da parte, lasciando spazio alla voce di Feist, suo inequivocabile marchio di fabbrica, e alla sua chitarra. Questa gerarchia fa sì che nella tracklist possano emergere pezzi dal sapore acustico come “I Wish I Didn’t Miss You”, ballad struggente che sfugge alla metrica tradizionale, e “Baby Be Simple”. Gli echi e riverberi di “Lost Dreams” e completano il quadro dipingendone le atmosfere oniriche e surreali.

Questo è “Pleasure”, un album fuori dal tempo, ibernato nei sei anni che sono trascorsi dall’ultima produzione musicale di Feist, ibernato nell’identità della cantautrice canadese, impassibile allo scorrere del tempo e alle tendenze che la circondano, ma allo stesso tempo solido e attuale. Feist è tornata con un lavoro che rispecchia la coerenza con la sua personalità e la fedeltà alla sua musica, lasciando un segno indelebile nel panorama musicale del 2017.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.