Bring Me The Horizon Sempiternal

bring-me-the-horizon-nuovo-album-sempiternal-2013

bring-me-the-horizon-nuovo-album-sempiternal-2013

Si giocano tutto i Bring Me The Horizon: con “Sempiternal” contaminano in modo assurdo l’originaria proposta metalcore con melodie, elettroniche e atmosfere talvolta vicine all’ambient, il loro post-hardcore a volte sa essere dannatamente orecchiabile e catchy (“And The Snakes Start To Sing“), altre volte disperato, senza speranze e molto da dancefloor (“Can You Feel My Heart” pare un pezzo degli Enter Shikari con Sykes a cantare), altre ancora classicamente violento (“Antivist“). I corettoni (“Empire (Let Them Sing)” e “Shadow Moses“) che fanno tanto emocore ci sono ancora ma internamente alle nuove strutture, semplificate e lineari, risultano da arena e non da gang, confermando a lungo andare le evidenti avvisaglie presenti nel precedente “There Is A Hell…” eccetera eccetera.

La produzione è mostruosa, Terry Date è riuscito a dare a quella che era una banducolina di sbarbati ipertatuati con le frange e le canotte larghe, una dimensione internazionale assoluta. Il passaggio sotto Sony non poteva essere sfruttato meglio dai BMTH, che sfonderanno presso un’audience ancora più ampia rispetto a quella fedelissima fanbase che si erano già sapientemente conquistati sul finire del primo decennio degli anni duemila. “Seen It All Before“, “Go To Hell, For Heavens Sake” e l’interessante (anche dal punto di vista delle lyrics) “Hospitals For Souls” sono i nuovi Bring Me The Horizon, zeppi di tastiere e melodie irresistibili, tristezza di fondo e tempi decisamente più riflessivi rispetto a prima. Che poi complessivamente il disco non porti chissà quali novità nel genere “post-qcs”, che veda diversi pezzi assomigliarsi molto come costruzione e che alla lunga il meccanismo stanchi è un altro discorso: “Sempiternal” sarà il cd della svolta non solo per gli autori ma per una generazione intera, cresciuta con deathcore e breakdown forzati, i BMTH diventeranno traditori per alcuni, ma superstar per molti altri…

Paolo Sisa

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.