[Progressive Death Metal] Opeth – Ghost Reveries (2005)

Ghost of Perdition – The Baying of the Hounds – Beneath the Mire – Atonement – Reverie/Harlequin Forest – Hours of Wealth – The Grand Conjuration – Isolation Years

www.opeth.com
www.roadrunnerrecords.com

Dopo dieci anni abbondanti di carriera e parecchi album alle spalle gli Opeth sono arrivati a una invidiabile maturità artistica, che si riflette in questo splendido “The Ghost Of Perdition”. La caratteristica principale di questo lavoro è l’equilibrio che il gruppo è riuscito a dare alle composizioni, e alle varie anime che muovono i talentuosi svedesi. Se infatti in precedenza avevano deciso di separare nettamente la componente death metal delle loro origini dalle componenti progressive e psichedeliche che mano a mano erano diventate sempre più influenti nel loro suono, creando due entità separate e lontane tra loro come “Damnation” e “Deliverance”, con questo lavoro sono riusciti ad arrivare ad una ammirevole sintesi. Per cui non inganni l’attacco brutale dell’iniziale title track, perché  nel disco trovano spazio anche brani lenti e atmosferici come “Atonement”, la pinkfloydiana “Hours Of Wealth” e la conclusiva “Isolation Years”. Gli altri pezzi, tutti eccezionalmente lunghi e articolati, si dipanano tra sporadiche punte di aggressività, svisate rock settantiane e parti rallentate e dilatate. Indubbiamente gli Opeth hanno percorso molta strada, e sono stati capaci di incorporare influenze sempre diverse senza mai rinnegare le loro radici, arrivando a una crescita veramente notevole. Un lavoro di confine che potrebbe avvicinare gli amanti del rock progressivo al death metal come l’opposto, per come riesce a trovare un equilibrio tra le componenti che sfiora la perfezione.

S.R.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.