Satyricon Satyricon

Satyricon Satyricon

Satyricon Satyricon

Restar delusi da questo disco è più che lecito. Il duo norvegese ha lasciato trascorrere ben cinque anni dal precedente “The Age Of Nero” senza pubblicar nulla, e chi si aspettava un capolavoro nutriva evidentemente aspettative fin troppo ottimiste. La realtà è questa: giunti all’ottavo album, i Satyricon non mostrano certo sovrabbondanza d’idee, e le strutture delle 10 tracce presenti nel primo full – length omonimo non si discostano molto da quelle già ampiamente praticate nei predecessori. Il black metal rimane solo una fra le tante sfumature presenti nelle sonorità aspre e spigolose di Satyr e Frost; si fa spazio nel riffing serrato di “Walker Upon The Wind” e fra le pieghe di “Ageless Northern Spirit“, per il resto le atmosfere conducono piuttosto verso uno stile scarno e modernista, giocato quasi sempre su mid tempo privi di grandi sussulti.

Però. Se anche la band scandinava non ha operato nessun miracolo producendosi in chissà quale prodigio, allo stesso tempo è innegabile la qualità di “Satyricon“, lavoro comunque consistente e persino vario. Ci sono momenti che faranno la gioia del fan di lungo corso, senz’ombra di dubbio. Qualche esempio: il tempo di marcia nordica su cui è basato “Tro Og Kraft“, che potrebbe essere un pezzo in stile “The Shadowthrone“, semplicemente traslato nell’ottica minimalista che contraddistingue i Satyricon di oggi; gli effetti di tensione e distensione che caratterizzano il singolo “Our World, It Rumbles Tonight” (in realtà i momenti di stasi ambient sono una costante dell’opera); il punk ‘n’ roll di “Nekrohaven“, semplicissimo eppure efficace; l’atmosfera metafisica della cangiante “The Infinity Of Time And Space” e quella terrena di “Nocturnal Flare“; infine, l’inattesa “Phoenix“, ibrido fra Paradise Lost e ballad progressive anni Settanta interpretata dalla voce pulita di Sivert Høyem, cantante dei Madrugada. Quel che resta, allora, è un ottimo esempio di come costruire un disco di metal estremo al passo coi tempi, in cui poche pennellate sono in grado di suggerire contorni ben definiti. Interessanti anche i riff che, seppure ancorati al consueto stile dei Nostri, mostrano incessanti rimandi verso quelli alieni e scheletrici di Ved Buens Ende/Virus. È un bell’accontentarsi.


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.