Havok – Conformicide

havok-conformicide

Nuova uscita sul fronte thrash metal, rappresentata da “Conformicide”, degli americani Havok: un’entrata a piedi uniti, brutale e aggressiva per questa quarta produzione lanciata il 10 marzo scorso. La band di Denver si presenta con un lavoro molto tecnico e accattivante, realizzato con grinta e competenza. L’album si apre con “F.P.C.”: un lento incipit acustico dipinge atmosfere tetre e alienanti, virando improvvisamente in una serie di riff e percussioni concitate e travolgenti. Assoli di basso impreziosiscono il tenore della canzone, conferendo un ritmo trascinante ad ogni passaggio.

I brani sono cattivi, enfatizzati dalla voce graffiante di David Sanchez. Eseguiti con perizia tecnica, dal sound pulito e dallo stile un po’ retrò, ogni pezzo è costruito sapientemente e con estrema cura.
Assoli frenetici di chitarra si susseguono a una batteria che pesta con rabbia, coadiuvata da un basso presente con persistenza e personalità. Il suono è pieno, pulito e caratterizzato da un saliscendi di ritmiche che tengono l’ascoltatore sempre sul chi va là, come nella elaborata “Ingsoc”, i cui quasi otto minuti si snodano attraverso continue variazioni di ritmo e passaggi elaborati.

Ogni membro della band porta la propria performance ad altissima intensità, eseguendo i pezzi senza requie; in “Masterplan” e in “Peace is in Pieces” i riff martellanti si danno il cambio con assoli e variazioni improvvise da far girare la testa. “Circling the Drain” è il brano di chiusura, rappresentativo dell’approccio aggressivo e del virtuosismo tecnico che la band vanta: splendidi passaggi di basso e di chitarre, incorniciati alla perfezione da una batteria indemoniata attraverso sette minuti di commiato feroce e violento.

Un lavoro di gran caratura, venato da un sound anni ’80 reso comunque moderno e perfettamente fruibile ai giorni nostri; “Conformicide” è caratterizzato da una perizia esecutiva attenta e ben strutturata, da ritmi costantemente frenetici e da continue variazioni che tengono sempre “sul pezzo” l’ascoltatore, strattonandolo con veemenza per sessanta minuti. Ogni elemento del gruppo mostra decisamente di sapere il fatto suo, e lo attesta in ogni singolo passaggio: un bel disco, tecnico e di personalità, che consacra definitivamente una band relativamente giovane ma dal talento indubbio.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.