Music Attitude

Lamb of God – VII: Sturm und Drang

lamb-of-god-sturm-und-drang

lamb-of-god-sturm-und-drang

A tre anni da “Resolution”, i Lamb of God ritornano con “VII: Sturm und Drang”. Un parto difficile, soprattutto in seguito alle delicate vicende giudiziarie che hanno visto protagonista il frontman Randy Blythe, e all’ingresso del batterista Chris Adler nell’ultima incarnazione dei Megadeth.

La parola chiave per interpretare la nuova fatica della band è “sconvolgimento”: basti guardare al titolo, che si rifà al movimento tedesco del XVIII secolo incentrato sull’interiorizzazione e opposto all’Illuminismo che letteralmente può essere tradotto in “tempesta e tormento”. Insomma, tutto ciò che la voce dei Lamb of God ha dovuto attraversare negli ultimi tempi. “VII: Sturm und Drang” è infatti l’album di Blythe, che ha composto quasi il 90% delle lyrics, e dei suoi tormenti interiori.

La travolgente opener “Still Echoes” è la prova di un ritorno in grande stile: thrashy, inesorabile, rompe il ghiaccio introducendoci ai restanti nove pezzi. Sulla strada spianata da “Still Echoes” si intromette “Erase This”, che va dritta come un fuso, ma è con “512” (il numero della cella nella quale Blythe è stato recluso per qualche tempo) che la situazione finalmente esplode del tutto, grazie alla voce effettata e alle urla disperate, e alle ritmiche pesanti e inaspettate, che con improvvisi twist rallentano la velocità per poi aumentarla nuovamente.

Giusto per non farsi mancare nulla, i Nostri pensano bene di arricchire la loro opera con un paio di ospitate: il primo featuring tocca a Chino Moreno dei Deftones in “Embers”, che si porta a casa uno dei pezzi meglio riusciti del lotto con il suo tocco melodico inconfondibile. La successiva “Overlord” è un’altra traccia degna di nota, una ballad piacevole ed equilibrata che esplode a circa due terzi dalla fine in una tirata a tutta velocità, entrando sottopelle dopo qualche ascolto e rimanendoci per un bel po’.

In generale, grandi sorprese e svolte vitali non ce ne sono, ma la band di Richmond si attesta su livelli alti, non accennando a mollare il freno. È un esempio di quanto appena detto “Engage the Fear Machine”, uno sfogo di rabbia rovente, ma per lo più molto lineare. La degna conclusione dell’album tocca a “Torches”, che in un botta e risposta tra Blythe e Greg Puciato dei Dillinger Escape Plan (secondo e ultimo ospite) incede inesorabile e maestosa fino alla fine, sublimando nell’urlo finale “I Am The Inferno” tutti i demoni del vocalist.

Nonostante la forza primordiale dei primi lavori dei Lamb of God sia molto difficile da replicarsi persino per loro stessi, “VII: Sturm und Drang” è un cd che non deluderà i fan della formazione. I tormenti di Blythe trasposti in musica sono la catarsi migliore per lui, e per chiunque lo ascolti.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.