Music Attitude

The Heavy Countdown #133: Like Moths To Flames, Sevendust, Pallbearer

like-moths-to-flames-no-eternity-in-gold

Like Moths To Flames – No Eternity In Gold
Quando si parla di metalcore (non solo, ma in particolar modo), mi capita spesso di pensare a un termine inglese, “huge”, un aggettivo che accostato a “chorus”, potrebbe tradursi nelle aperture melodiche smaglianti a cui i Like Moths To Flames ci hanno abituati nel corso degli anni e che si concretizza in uno dei pezzi migliori di “No Eternity In Gold”, “Burn In Water, Drown In Flame”. Il quinto full-length dei Nostri, calcificando la solita formula collaudata e a volte ripetitiva, porta comunque a casa buoni risultati, soprattutto grazie al simil-djent di brani come “God Complex” e “Demon of My Own”, che esplorano rispettivamente la faccia più minacciosa e più malinconica della band.

Melted Bodies – Enjoy Yourself
“Enjoy Yourself” è la cosa più schizzata che ascolterete quest’anno. Non solo per i continui switch schizofrenici da un sound all’altro (nominate un genere qualsiasi e lo troverete in questo disco), ma anche per l’arguzia dei temi trattati, la totale assenza di peli sulla lingua e l’amore per la provocazione pura e semplice. I Melted Bodies non si fanno troppi problemi a esprimersi a suon di alternative, hardcore, mathcore, avantgarde, addirittura ska (“Club Anxious”) suonando a mo’ di strani incroci tra Melvins, Dillinger Escape Plan, Mr Bungle e Primus. Non ci credete? Premete play.

Sevendust – Blood & Stone
Non c’è molto da discutere. I maestri dell’alternative metal più melodico, nonostante gli anni sul groppone, le mode che passano e le nuove leve ogni giorno più affamate rimangono sempre loro. Tanto da potersi addirittura permettere di affrontare una cover dei Soundgarden (“The Die I Tried To Live”) ben riuscita. Per Lajon Whiterspoon e soci “Blood & Stone” è il tredicesimo lavoro in carriera, ma a differenza di molti colleghi, hanno raggiunto l’obiettivo di risultare immediatamente riconoscibili, anche se autoreferenziali, senza per questo cadere nella trappola della copia carbone con il passato. E infatti, pezzi tipo “Dying to Live” e “Blood From a Stone” hanno il sapore rasserenante di un ritorno a casa dopo un lungo viaggio, come quando si ritrovano vecchi oggetti di una quotidianità solo apparentemente perduta.

Nothing – The Great Dismal
Qualche disco fa i Nothing erano partiti dall’hardcore, per poi approdare tra le braccia confortanti del post-rock/shoegaze, una stretta che si è fatta sempre più forte di album in album. Il gruppo di Philadelphia riesce a dipingere con “The Great Dismal” un quadro che, come questo 2020 che stiamo vivendo, si rileva a tratti desolante e a tratti inebriante, avvolgendo in una misteriosa nebbia il lato più pesante del combo, che anche se sempre più nascosto, rimane sempre e comunque cuore pulsante e motore della proposta dei Nothing (“In Blueberry Memories” e “Just a Story”).

Pallbearer – Forgotten Days
Alzi la mano chi non è riuscito a rimanere indifferente di fronte a “Heartless” (2017), l’opera che ha elevato i Pallbearer al di sopra di semplice formazione doom metal. “Forgotten Days”, a differenza del precedente sforzo della band originaria dell’Arkansas, seppur sempre maestoso come da buona tradizione, risulta più accessibile, diciamo anche più Sabbathiano del suo predecessore (ascoltate la title track e “Riverbed”), ma eccezion fatta per un paio di piccole gemme (“Silver Wings” e “The Quicksand of Existing”), “Forgotten Days” fallisce nel mettere in moto il medesimo caleidoscopio di emozioni e sonorità di qualche anno fa. Peccato.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.