Music Attitude

Lindemann – Skills In Pills

lindemann-skills-in-pills-recensione

lindemann-skills-in-pills-recensione

Per Till Lindemann non dev’essere stato molto difficile scrivere “Skills In Pills”, primo album del supergruppo Lindemann, formato appunto dal cantante dei Rammstein e da Peter Tägtgren, leader degli Hypocrisy, creatore di molti side-project nonché produttore di centinaia di dischi metal tramite i suoi famigerati Abyss Studio. Presentato alla stampa come un incrocio fra il cantato della band tedesca e la musica dei Pain, secondo gruppo in ordine d’importanza nella carriera del musicista svedese, l’album sembra in realtà un vero e proprio sfogo solistico di Till, il quale opta senza alcun ritegno per un’estremizzazione tamarra e ballabile del suono e delle tematiche del suo complesso d’origine. Si abbandona il tedesco per l’inglese, e dal canto suo Tägtgren si preoccupa di fornire la solita produzione luccicante e pomposa in grado di caricare i pezzi di ancor più fotta da party metallaro; ma per il resto le orchestrazioni, l’elettronica, i cori, i riff e le cadenze cingolate di quasi tutte le tracce sono Rammstein al 100%.

Parafrasando i Santarita Sakkascia, il cd potrebbe venire ribattezzato “Industrial Metal Cafone”. Eccezion fatta per le più introspettive “Home Sweet Home” e “Yukon”, le dieci canzoni che lo compongono (se ne aggiunge una nelle edizioni speciali) sbraitano tutte una sorta di compiaciuto e grottesco umorismo intriso di sesso e morte. È però la prima componente a farla da padrone, quasi come se “Pussy” fosse stata allargata a dismisura e occupasse ora un LP intero. Titoli come “Ladyboy”, “Fat”, “Fish On”, “Praise Abort” e soprattutto “Golden Shower” non hanno bisogno di ulteriori spiegazioni. Il tipo d’ironia rimane tipicamente tedesco, e nonostante il cambio di lingua le origini del progetto balzano subito all’orecchio. I primi a non prendersi sul serio sono proprio i due artefici della band, e questo è indubbiamente positivo. Tägtgren stesso parla di un party album ideale per una sorta di pre festeggiamento prima di uscire e andare al bar.

Purtroppo, però, a livello puramente musicale non tutto funziona come dovrebbe. E gli episodi migliori sono proprio quelli più simili ai vecchi cavalli di battaglia dei Rammstein. La title – track, dal ritornello molto simile a quello di “Keine Lust”, è uno di questi. “Children of the Sun” riprende addirittura inflessioni da “Sehnsucht” (1997), in particolare da “Engel”, mentre “Golden Shower” si avvicina a un incrocio fra “Bück Dich” e “Mein Teil”. Anche la techno – metal “Praise Abort” non è male, e in generale quando i cori sono ben costruiti il duo fa centro. Al contrario, in molti frangenti i chorus sono insipidi e gli arrangiamenti piatti, se non esageratamente pacchiani: ad esempio, nessuno sentiva il bisogno di quell’intro d’organo in “Fat”. In breve, a fronte di tre-quattro pezzi veramente belli, ce ne sono altrettanti che si possono tranquillamente considerare mediocri filler e un paio che galleggiano nel limbo del carino ma dispensabile.

“Skills in Pills” esce proprio all’inizio dell’estate, e non è un caso. Può fare sicuramente la sua porca figura nel campeggio di Wacken o dei vari festival metal che si terranno fra poco, insieme a tanta birra. Allora diverte. Rimane tuttavia, ed è lo stesso Lindemann a dirlo, una semplice pausa dai Rammstein.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.