Music Attitude

Lorde – Melodrama

lorde-melodrama-recensione

Mi ha sempre fatto una paura fottuta, Lorde. Sguardo intenso, bellezza non convenzionale, è la più intelligente e perspicace della classe. Chi sono io a confronto? Sono il brufoloso seduto al banco dietro di lei, mai riuscirò a dichiarami. Quando mi passa la versione di latino durante il compito in classe – per lei uno scherzo, per me un disastro – sono al settimo cielo. In classe ci sono i festaioli che si schierano con Miley Cyrus e i secchioni che si schierano con lei, è guerra aperta.

I tempi delle superiori sono finiti però, e l’eroina del teen pop intelligente ormai ha compiuto 20 anni. Quattro anni sono passati dal precedente “Pure Heroine”, il debutto di minimal-electronica che tanto successo ha avuto a colpi di singoli come “Royals”, “Tennis Court” e “Team”. Quattro anni dopo si cambia squadra e si riparte alla carica: al posto di Joel Little (principale fautore del sound del debutto), prende il timone della produzione Jack Antonoff. Il chitarrista dei Fun è uno che inizia a farsi un nome nel giro degli hitmaker (in curriculum ha “We Are Young” dei Fun, “Out of The Woods” e “I Don’t Wanna Live Forever” con Taylor Swift), e arricchisce il sound della giovane neozelandese con una varietà di strumenti e sonorità che rendono il disco più facilmente digeribile, senza che le parti vocali vengano affossate o il sound di Lorde stravolto.

E di cosa ci canta a questo giro? La rottura col fidanzato storico (storico… vent’anni hai, bimba…) è stata un’esperienza segnante, nonostante cerchi di dissimulare nelle interviste a colpi di “no no no è un vago concept album sulla solitudine di per sé”. Però lei è una grande, è sveglia, e non lesina autoironia nel definire la questione ‘the fucking melodrama’. E il tutto è divertente, nel senso che intrattiene e non si piange addosso, eppure potente al tempo stesso. “Green Light”, il primo singolo, ne è un esempio perfetto: Lorde ha il dente avvelenato contro l’ex nella strofa, ma ora del ritornello sta già ballando. Ce n’è di carne al fuoco come la ballad “Liability” e la doppietta di “Sober”. Tanti sono i guizzi nei testi e le parti vocali memorabili. Grazie al cielo abbiamo la conferma di un’artista destinata a brillare per lungo tempo, e solo in poche occasioni si ha la sensazione di appiattimento sonoro sul pop contemporaneo. È il manifesto di un’ età, che potrà sì raccogliere solo sorrisi benevoli di comprensione dagli adulti che ci sono già passati, ma che è indiscutibilmente lucido, intelligente e poche volte banale. La ragazza ha carattere da vendere e a noi fa solo piacere esserne travolti. Lunga vita alla regina!

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.