Music Attitude

Napalm Death – Apex Predator – Easy Meat

napalm-death-apex-predator-easy-meat-recensione

napalm-death-apex-predator-easy-meat-recensione

Celebrare i Napalm Death per essere stati i creatori del grindcore è troppo poco. In più di trent’anni di carriera la band inglese ha saputo essere molto altro e molto di più. Non solo ha influenzato centinaia di gruppi e cambiato il volto della musica estrema, osando quello che non era mai stato neppure pensato in termini di crossover fra punk e metal. È stata anche in grado di evolversi senza snaturare il proprio stile, sbagliando pochissimi dischi e rimanendo fedele ai suoi ideali musicali e sociali nonostante il trascorrere dei decenni.

“Apex Predator – Easy Meat”, contrariamente al più inusuale “Utilitarian” (2012), è una sorta di omaggio che il quartetto fa a se stesso e alle radici sonore da cui proviene. Ovviamente le ultime esperienze si fanno sentire, tuttavia l’album semplifica parzialmente le circonvoluzioni compositive del predecessore e torna a fomentare pogo e violenza; i testi delle canzoni, fra i più politicamente espliciti mai scritti da Greenway, seguono di pari passo l’impatto delle note.

La title-track, corale da periferia degradata oscillante fra industrial e tribalismo nero alla primi Current 93, è uno dei pochissimi episodi in cui emerge la vena sperimentale sfruttata negli ultimi tempi; altri esempi possono essere ascoltati in “Dear Slum Landlord…”, lento e pesante incubo che somiglia a dei P.I.L. virati metal, oppure nella lunga “Adversarial/Copulating Snakes”. Il resto è, invece, un incessante susseguirsi di catenate grind, hardcore e death metal da manuale. “Smash a Single Digit” e “One-Eyed” sono le tracce più classiche, catastrofi in blast beat degne di “Scum”, mentre spetta a “Cesspits” e “Bloodless Coup” ribadire le origini HC/crust dei Nostri. Origini che, in realtà, non sono mai state celate e sono percepibili in ogni singola battuta dei Napalm Death.

Anche quando le influenze death si fanno più pressanti, e questo accade soprattutto in “Beyond The Pale” e “Timeless Flogging”, la voce di Shane Embury o la batteria di Danny Herrera ci ricordano sempre chi stiamo sentendo. È però quando collidono tutti questi elementi che si hanno i veri capolavori di “Apex Predator”. “Metaphorically Screw You”, grazie a un perfetto quanto impercettibile uso delle dinamiche, è sbalorditiva nella sua ricchezza di particolari compressi in soli due minuti. “How The Years Condemn” fa ancora meglio: partenza con riffing e tupatupa quasi punk ‘n’ roll (i Motorhead non sono così distanti), seguita da una progressione stilistica in grado di risultare molto più creativa e interessante di quanto offerto da parecchie band cosiddette avant-garde.

Al quindicesimo album in studio la maggior parte dei gruppi sopravvive a se stessa. Anche molti nomi storici non sfuggono a questo declino. I Napalm Death non sono più destabilizzanti come agli esordi, ma la loro forza è rimasta quasi intatta. Davvero raro.


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.