Music Attitude

Paul Weller – A Kind Revolution

paul-weller-a-kind-revolution-recensione

Paul Weller, tornato in questi giorni con il nuovo lavoro “A Kind Revolution”, è l’uomo che ogni donna vorrebbe avere al suo fianco e, per assurdo, l’immagine alla quale vorrebbero ambire buona parte dell’emisfero maschile: stiloso anche con una t-shirt di H&M da dieci euro, fu tra i fautori del revival mod, fece parte di due band clamorose (gli Style Council e i The Jam) e da quasi trent’anni si è costruito una carriera solista praticamente inattaccabile e priva di scivoloni. Con l’ultimo lavoro, la star di Woking prende una strada coraggiosa, a metà tra la sperimentazione e il classico, sfornando di fatto uno dei migliori capitoli della sua carriera.

Con “Woo Sè Mama”, un brano perfettamente confezionato ed evergreen già al primo ascolto, Weller inizia un viaggio in tutti i generi musicali che ha esplorato nella sua quarantennale carriera, iniziata nel 1997 con “In The City” dei The Jam. Funk, soul, dub e rock si fondono all’interno dei dieci pezzi di un album indimenticabile e destinato a farsi vedere nelle posizioni alte delle classifiche di fine anno. Non c’è un pezzo sbagliato neanche a morire, e le illustri collaborazioni di Robert Wyatt (“She Moves with the Fayre”) e Boy George (“One Tear”) completano alla perfezione il tessuto sonoro di Weller in quello che è un lungo viaggio nella sua carriera. Il meglio arriva dalla parentesi folk finale, dove “Satellite Kid” e “The Impossible Idea” ricoprono il ruolo di perfetta chiusura del disco.

La rivoluzione prospettata dal titolo del disco di ritorno di Paul Weller non è lo stravolgimento della musica. Anzi, per i fan della star britannica si è di fronte ad una vera e propria comfort zone. Il punto è che è così confezionata in maniera eccellente e con una qualità clamorosa che parlare di capolavoro è tutto fuorché riduttivo. Disco dell’anno? Forse è ancora presto per parlarne, ma uno spazio nel taccuino lo ha già trovato.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.