Children Of Bodom Halo Of Blood

children-of-bodom-halo-of-blood

Hanno impiegato qualche anno (dodici a dire la verità) i Children Of Bodom per tornare a comporre qualcosa che meritasse sul serio. D’altra parte la tripletta iniziale con la quale i Finlandesi inaugurarono una carriera diventata quasi da subito da pesi massimi del genere, è di quelle che ti segnano e che, forse, ti obbligano a sparare tutte le cartucce subito, vista l’attesa e l’aura da salvatori del verbo metallico che ti avvolge e troppo presto si attribuisce alle nuove leve. Detto questo, il nuovo “Halo Of Blood” è un buonissimo lavoro, secondo solo appunto ai già citati “Something Wild”, “Hatebreeder” e “Follow The Reaper” di troppi anni fa, e sicuramente un album che potrebbe rilanciare la carriera di un act che ha sperimentato con coraggio sin dalle prime prove, arenandosi poi in una situazione auto-citazionistica che stava diventando a lungo andare imbarazzante. La titletrack con spunti black e una furia esecutiva finalmente convincente è il miglior biglietto da visita per un platter che i fans di vecchio corso attendono da tempo. Bentornati.

Paolo Sisa

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.