Gto Little Italy

Gto Little Italy

Gto Little Italy

Barabba” in apertura è un colpo basso. Un inizio dirompente, carico di energia e di ritmo così rende tutto più facile ma contemporaneamente può far travisare il contenuto di “Little Italy“. Potremmo infatti bollare subito l’album come un riuscitissimo disco da “centro sociale” e basta. E invece c’è dell’altro e fortunatamente è tanto altro, forse pure troppo altro. Ogni brano è un mondo a sé, con le sue influenze, i suoi temi e le sue peculiarità, in un certo senso avulso dal contesto, se un contesto ci fosse, di sicuro a mancare è la noia. Fra influenze balcaniche, latine, blues, rock, cantautorato e financo rumba si va avanti alla grande. Dovessi trovare un difetto a “Little Italy”, lo andrei a cercare nei testi che ogni tanto scadono un po’ nel luogo comune, ma è poca roba.

Stefano Di Noi


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.