Music Attitude

Roger Waters – Is This the Life We Really Want?

roger-waters-is-this-the-life-we-really-want-recensione

“Is This the Life We Really Want?” esce in Italia oggi, primo giugno 2017, ed è un album importante che entrerà di diritto tra le migliori produzioni della carriera di Roger Waters e della musica moderna. A chi lo criticherà l’arduo compito di trovare qualche motivazione in più, seria e credibile, che non vada a raschiare il fondo del barile dove languono le tediose accuse di fare troppa politica o di aver voluto far facile presa sui nostalgici; chi invece lo apprezzerà saprà dove e come gustarselo appieno, senza fretta, ritagliandosi i momenti giusti per far volare i pensieri e lavorare le emozioni come solo la grande musica sa fare.

È vero, nel successore di “Amused to Death”, atteso da venticinque anni, c’è tutto quello che un fan di Waters e dei Floyd vuole sentire: il basso incalzante di Waters, testi praticamente perfetti, intro e brani interconnessi anche dove vengono interrotti bruscamente, nessun riempitivo, tappeti di synth egregi, echo e delay.

E sì, ci sono anche accenni di assoli di chitarra alla Gilmour, con buona pace di chi sottolinea la loro totale assenza (ascoltare dal minuto 5 e 33 secondi il brano “Picture That” giusto per accennare il primo che si incontra), ballate alla “Mother” e gli immancabili “rumori di fondo” come il ticchettio degli orologi, le voci rubate, l’abbaiare dei cani, le esplosioni e le urla e i classici temi trattati come l’oppressione, la guerra e la tecnologia come ossessione. Un compendio insomma.

Operazione nostalgia dunque? Facile compito a casa per accontentare i fan?
Nient’affatto, anche se “Smell the Roses”, primo singolo estratto, ci aveva messo sulla cattiva strada.

“Is This the Life We Really Want?” è anche un album a suo modo innovativo, di sicuro per gli standard di Waters.
Infatti i tratti rassicuranti di cui sopra vengono inaspettatamente valorizzati da tre principali novità: la produzione di Nigel Godrich che guida Waters come nessun altro prima di lui si è mai permesso di fare, quasi un gioco di squadra, che è l’ultima cosa che ci potrebbe aspettare da Roger conoscendo i suoi trascorsi; un uso dello strumento del pianoforte e delle parti orchestrali in maniera importante e che i meno attenti hanno scambiato non per un elemento di novità, ma come un sostituto all’assenza delle parti di chitarra elettrica ed un finale non cupo, disincantato e crudo, ma aperto ad una speranza a sentimenti rassicuranti come l’amore.

Ma Waters fa anche molto di più: dimostra ai tanti che sembrano essersene dimenticati in questo periodo di magra artistica, che anche negli anni dieci c’è ancora chi registra bene i suoni, chi sa produrre e perde tempo ed energia a far suonare da DIO un album. La differenza qualitativa dell’incisione, rispetto alla media delle uscite, senza voler sparare addosso anche a nomi importanti, è palese. Ascoltate i suoni di questo album, ascoltate come sono riprodotti e come rendono su qualsiasi dispositivo e fate le dovute considerazioni.
Questo album è registrato e prodotto talmente bene, che non servono particolari doti per accorgersene o notarlo, il vostro cervello e soprattutto il vostro cuore ve lo segnaleranno immediatamente.

In “Is This the Life We Really Want?” ci sono capolavori assoluti che abbattono ogni difesa fin dal primo ascolto come “Deja-vù“, “Broken Bones”, ed il trittico finale “Wait for Her”, “Oceans Apart” e “A Part Of Me Died”, che sono da considerare come un unico brano. Ci sono ottime canzoni alla Pink Floyd come “Bird in a Gale”, “Picture That” e “Smell the Roses”, primo singolo estratto e criticata di essere una b-side dei tempi d’oro e magari aggiungo io. Ed infine ci sono canzoni che vanno interpretate, come “The Last Refugee” e “The Most Beautiful Girl In The World“, i brani apparentemente più deboli del lotto, e “Is This The Life We Really Want?” che suona diversa in quanto nata con modalità totalmente inedite per Waters, che ha riadattato in musica una sua vecchia poesia.

Roger Waters è un uomo fortunato, nonostante non sia ancora capace di far pace con i demoni che lo attanagliano, riesce a gestirli e a imbrigliarli, a chiuderli dentro bolle di sapone che durano tre, quattro, cinque minuti e riesce a metterci la bellezza tutta attorno.
Questo suo esercizio di magia è un regalo che ci permette di guardare in faccia le paure, le ossessioni e le ingiustizie che ci circondano e ci accomunano senza appesantirci. In modo liberatorio.
Sarebbe bello se riuscisse a farlo ogni anno, in modo terapeutico, ma è un trucco di magia davvero difficile, riesce solo una volta ogni quarto di secolo.

 

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.