Music Attitude

The Contortionist – Clairvoyant

the-contortionist-clairvoyant-recensione

Che non ci volesse un veggente per percepire tutta l’elettricità nell’aria precedente all’uscita di “Clairvoyant” era piuttosto evidente. Ma tra il dire il fare c’è di mezzo il mare, e siccome credo poco alla magia e sono molto più concreta che in passato, ho voluto fare il san Tommaso della situazione e toccare più volte con mano questo quarto lavoro dei Contortionist onde evitare di sbilanciarmi.

Prima di parlare della musica, per capire le dinamiche di “Clairvoyant”, è opportuno fare un excursus sul campo semantico della vista, che sia reale o metaforica. “Clairvoyant”, il veggente, è infatti qualcuno che interpreta il passato, il presente e il futuro scrutandoli attentamente. Questo tema nell’ultima fatica dei Nostri appare di continuo (prendete “The Center”, in cui si ripete con una certa insistenza “do you see what I see now”).

E il refrain di “Reimagined”, il primo singolo estratto da “Clairvoyant” anticipava con fare sibillino ciò che sarebbe successo. “È tutto ri-immaginato, un tipo di linguaggio diverso (“Language” dice qualcosa?), una ripetizione, esattamente quello che aspettavi che fossi”. Insomma, come santoni contemporanei Lessard e soci continuano a camminare sul sentiero tracciato nel 2014 con il sopracitato “Language”, voltandosi certamente indietro (passato), ma  prestando attenzione a dove mettere i piedi (presente), e con gli occhi ben puntati sull’orizzonte (futuro).

Com’è facilmente intuibile da questa introduzione, “Clairvoyant” non è un album immediato e comprensibile al volo. Liquidarlo come una massa informe di suggestioni (e qui, si sprecano le critiche sul cantato monocorde di Michael Lessard da parte della stampa di settore e dei puristi) è un vero peccato. In primis perché per la prima volta davvero, e in un modo che magicamente riesce solo a loro, i Contortionist amalgamano con estrema perizia le “visioni” atmospheric prog metal con post rock, ambient e new wave, ma non finisce qui.

La vera novità di “Clairvoyant” è che, checché se ne dica, si tratta di un lavoro completo. In precedenza, ai tempi di “Language”, i Nostri non avevano i ritornelli catchy. Ora sì, basti pensare a “Reimagined”. Ma la paura (anche mia, sì) che i Contortionist dopo aver pubblicato un pezzo del genere si piegassero a dinamiche commerciali tanto in voga di questi tempi, è stata poco dopo smentita dai singoli successivi “Return To Earth” e “Absolve”, due gemme di prog contemporaneo di rara bellezza.

Per questo parlando di “Clairvoyant” si può affermare senza timore che si tratti del disco della maturità per i Contortionist. Inoltre, è il lavoro che più si avvicina all’esperienza onirica e al tempo stesso teatrale dei loro live (prendete il finale di “The Center” e capirete). Un disco in cui si gioca con sonorità retro (vedi i synth che fanno tanto Eighties in “Relapse”) e in cui, ascoltando con molta attenzione, si continua a flirtare con sonorità “heavy” (“Monochrome (Passive)”), nonostante, ma dai, non suonino più death da ere geologiche e nonostante Lessard abbia appeso al chiodo il growl da quasi altrettanto tempo.

Tracciare la via non è mai facile, ma con una saggezza fuori dal comune e una preveggenza soprannaturale, oltre a una buona dose di coraggio e coerenza, i Contortionist continuano a farlo senza passi falsi e con una rinnovata maturità. “Clairvoyant” è uno degli esempi più fulgidi di opera prog (metal) moderna. E come accade per l’arte in tutte le sue forme, non sarà lei a cercarvi e a piegarsi alle vostre esigenze, ma dovrete farlo voi, con pazienza e dedizione, ma con la certezza, prima o poi, di esserne ricambiati nel migliore dei modi.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.