Protest The Hero Volition

protest-the-hero-volition-recensione

protest-the-hero-volition-recensione

E’ quasi impossibile trovare di meglio nella scena progressive metal moderna (forse bisogna iniziare a parlare di post-progressive-metalcore oramai, giusto per essere tera-nerd) dei Protest The Hero. D’accordo, potremmo goderci uno scontrone epico tra loro e i Between The Buried And Me, ma ne uscirebbero vincitori solo i nostri padiglioni auricolari, sconvolti dalla lubido che questi ragazzi sono riusciti a regalarci negli ultimi cinque/sei anni a oggi.

Volition” è l’ennesimo capolavoro di una band esagerata, apparentemente dalle risorse infinite e dalla creatività immonda. Sarà la generazione degli sfigati che stanno a casa a giocare ai rhythm game e a suonare in cameretta, saranno le influenze di Chernobyl che hanno attecchito benissimo in Canada quando i Nostri avevano tipo uno o due anni, quel che è certo è che questi ragazzi sono riusciti a spingere ancora più in là quei limiti che dopo “Fortress” e “Scurrilous” sembravano già abbondantemente insuperabili. Il nuovo album è ancora più intricato, complicato e allo stesso tempo denso di armonie e melodie accessibili che lo rendono attraente anche per chi è un’amante delle sonorità classiche e crede sia giunto il momento di spostare un po’ più in là l’asticella del metallo progressivo moderno.

I cambi di ritmo e le strutture chitarristiche da Grammy Award oramai non fanno più notizia; un certo Chris Adler dietro le pelli rende i brani ancora più diretti e impattanti del solito (spesso più thrash del previsto), mentre Rody Walker al microfono è oramai il numero uno in circolazione nel genere, vista la capacità assurda di maneggiare senza problemi note alte, basse, medie, growl, screming e chissà cos’altro. Lo testeremo dal vivo a breve, ma la sua performance qui sopra è di quelle che fanno epoca. A dire il vero “Volition” le carte in regola per fare epoca le aveva sin dall’inizio, quando i PTH lanciarono su Indiegogo una campagna per autofinanziarsi la produzione del platter in questione.

Evidentemente responsabilizzati dall’aver raccolto il triplo (e in pochissimo tempo) rispetto a quanto settato come obiettivo, i Nostri hanno creato il definitivo punto di arrivo di un sound che, inevitabilmente, dal prossimo cd dovrà/potrà o riciclarsi oppure rinnovarsi sterzando maggiormente verso l’estremo, piuttosto che verso l’easy listening, o ancora lasciare maggiore spazio alle aperture acustiche che già a questo giro spiccano orgogliose in coda a un paio di pezzi. E’ assolutamente inutile parlare di brani migliori o di highlights quando una release contiene così tanta qualità da lasciare basiti per l’abbondanza, oltre che per la capacità di suonare da dio e risultare appetibili allo stesso tempo a un’immensa fetta di ascoltatori. Per settare degli estremi diremmo che i PTH vanno bene per chi svalvola per il technical thrash vetusto alla Watchtower piuttosto che per le volate dei NoFX e per il punk melodico in generale…estremi eh?

Ci sono tante di quelle sfumature nella proposta dei Protest The Hero che un ascolto distratto potrebbe spingere rapidamente a catalogare questa uscita come “bravi ma troppo casinari”. Sarebbe un errore imperdonabile. “Volition” non è solamente uno dei dischi heavy più belli dell’anno, ma uno dei migliori in assoluto usciti in campo metal nel nuovo millennio. Impressionanti.



Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.