Underoath – Erase Me

underoath-erase-me-recensione

In un momento storico in cui non è solo difficile uscirsene con trovate del tutto inedite, ma anche cercare di mischiare in un modo minimamente innovativo influenze e stili appartenenti al passato (più o meno remoto), gli Underoath tornano sulle scene con un disco, “Erase Me”, che non può passare inosservato tra le novità in campo alternative di quest’anno.

L’ottavo full-length dei Nostri (nonché il primo a distanza di ben otto anni da “Ø”, cosa che ha fatto guadagnare agli Underoath un piccolo Guinness dei Primati) segna il ritorno alle pelli e ai clean vocals di Aaron Gillespie, assente dalla band dal 2008.

Al netto delle polemiche che hanno seguito la pubblicazione del primo singolo, “On My Teeth” (mi riferisco alla strofa “I’m not your fucking prey”, che ha fatto inorridire il seguito più devoto di una formazione che in effetti, si è sempre professata cristiana praticante), il ritorno degli Underoath è un disco dall’identità molto forte e dalla direzione ben precisa, sulla scia di un filone electronic rock, sondato con astuzia grazie alle influenze dei Sleepwave, progetto collaterale del cantante Spencer Chamberlain (vedi per esempio “Rapture”). Ma non mancano le eco industrial (con cui gli Underoath hanno già flirtato in passato, se proprio vogliamo dirla tutta) e una marea di refrain catchy (uno su tutti, “ihateit”), mentre la già citata “On My Teeth” è il compendio dello stile e dell’a nuova intesa dei Nostri.

Nell’attesa di testare in sede live la resa di “Erase Me” e il polso della ritrovata formazione, non possiamo far altro che goderci quest’ultima opera di una band che non è mai stata facile da ascrivere a un genere in particolare, ma che negli anni ci ha regalato qualche produzione se proprio non fuori dal mondo, sicuramente più che gradevole. Bentornati, Underoath.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.