Music Attitude

Wavves – You’re Welcome

wavves-youre-welcome-recensione

Se c’è qualcuno che a trent’anni conosce il significato della parola “punk”, quello è Nathan Williams, frontman dei californiani Wavves. Se da una parte il surf rock è un’isola felice di sonorità lo-fi e immagini di corse sulla spiaggia, i Wavves si sono sempre distinti con quell’attitudine “I don’t give a shit” a base di alcol, droghe e drama.

Nel 2017, la band di San Diego ne combina un’altra delle sue pubblicando il nuovo album “You’re Welcome” dopo una rottura burrascosa con la Warner Bros Records: la sesta pubblicazione di Williams e soci è firmata Ghost Ramp, etichetta indipendente costola dello stesso Williams.
Insomma basta scherzare, i re della spiaggia sono cresciuti e ora fanno sul serio. Fanculo le major: “Se quegli idioti possono farcela, noi possiamo cavarcela cento volte meglio” ha dichiarato Nathan Williams sul mettersi in proprio.

Ecco quindi “You’re Welcome”, la nuova dichiarazione di indipendenza dei Wavves: un cocktail di fuzz, lo-fi, surf punk e di tutti quegli ingredienti che solo la West Coast ci può regalare. Alla spensieratezza e alla leggerezza degli accordi veloci e delle linee semplici si aggiunge un alone di paranoia e pessimismo che ultimamente è il prodotto più o meno consapevole dell’America trumpiana. In generale il leitmotiv delle lyrics è la visione apocalittica del mondo in fiamme, di un’umanità corrotta al rogo: “The whole world covered in gasoline/ And burning alive”, “I can’t believe the shit they feed to us/ They’re lying to our face” intonano “Animal” e “Exercise”.

Insieme a queste tracce dai toni dark, convive un romantico set di canzoni dedicate all’amore che da sole potrebbero costituire un b-side a sfondo sentimentale. Qualcuno l’aveva già detto: “Ain’t no sunshine when she’s gone” e i Wavves seguono a ruota con “If my baby don’t come/ Neither will the sun”.

Il romanticismo dei Wavves è un richiamo amaro alle classiche canzoni d’amore degli anni ’50-’60, pervase di “lalala” e vocali trascinate. Questo nuovo “You’re Welcome” è un disco di luci e ombre, la strada verso la maturità di una band che vuole fare di testa propria continuando a riflettere nella musica la propria visione del mondo, senza filtri o regole dettate dalle etichette. Capriccio o delirio di onnipotenza che sia, “You’re Welcome” porta la firma chiara e leggibile di Williams & co. Mi chiedo come sarebbe andata se la formazione californiana non avesse dato il benservito alla Warner, ma forse questo sarebbe stato l’unico scenario possibile per una band di teste calde come i Wavves.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.