ZETA – ZETA

zeta-zeta-recensione

Che gli anni ’80 siano ritornati di moda è un dato di fatto già assodato da qualche tempo. Senza addentrarsi in analisi sociologiche arzigogolate, basti pensare a serie come “Stranger Things” e “Thirteen Reasons Why” e alla loro smaccata simpatia per gli Eighties. E anche la musica non scherza. L’ultimo (in ordine cronologico) a saltare sulla macchina del tempo è Daniel Tompkins, che insieme a Paul Ortiz (Chimp Spanner) e alla musicista Katie Jackson ha dato vita a un ennesimo side-project, ZETA. Dopo quasi due anni passati a torturarci con teaser e (pochi) singoli (“Silent Waves” nel 2015 e più di recente “The Distance”), finalmente il trio ha dato alle stampe il primo, omonimo album.

Con un sound a cavallo tra videogiochi arcade, colonne sonore di film anni ’80 e retrowave, gli ZETA non deludono le aspettative di un’attesa davvero snervante. Ovvio che il tipico fan dei TesseracT storcerà il naso dopo i primi dieci secondi di pezzi come, che ne so, “Fountain of Youth”, ma in fondo, se si va oltre i gusti personali e ci si prende la briga di considerare il percorso di Tompkins, “ZETA” è tutt’altro che fuori posto. In primis, perché il vocalist non è nuovo alle incursioni nel pop (vedi le cover di Michael Jackson e Chaka Khan) e in territori elettronici (dimostrazione, l’ultimo EP degli stessi TesseracT, “Errai”), e in secondo luogo, perché “ZETA” è un disco che ha testa e cuore. Insomma, un viaggio su una DeLorean in un universo parallelo illuminato da luci colorate al neon.

Ovviamente, oltre al contributo del suddetto Tompkins, i protagonisti del debutto degli ZETA sono i synth, che intrecciano trame intricate e al tempo stesso melodie orecchiabili. E in “Gates of Hell”, il brano più spinto, arrivano prepotenti le chitarre che fino a quel momento se ne erano state per lo più chete (escludendo la precedente “Fires In the Snow”). Se proprio devo trovare un difetto a questo disco, è il fatto che una voce pura e perfetta come quella del leader dei TesseracT ha bisogno davvero di pochi effetti, ma l’utilizzo di questi ultimi è fondamentale per l’economia di “ZETA”. In pieno periodo di revival retrowave, questo progetto non merita di passare inosservato.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.