Music Attitude

Intervista a Sarah Walk che torna oggi con il suo secondo album Another Me, dopo lo strepitoso successo del album di debutto

sarah walk another me
Sarah Walk è una di quelle sorprese come un fulmine a ciel sereno, che ti stupisce e ti conquista da subito, merito di grandi brani,  grandi arrangiamenti ed una grande presenza scenica.
Dopo ‘Little Black Book’, il disco di debutto pubblicato nel 2017 e ben accolto dalla critica musicale ovunque, Sarah Walk è pronta a tornare con ‘Another Me’, il nuovo album in arrivo il 28 agosto ed anticipato dai brani ‘What Do I Want?’,  ‘Unravel’ e dal recente ‘Nobody Knows’.
Prodotto da Leo Abrahams (Regina Spektor, Belle and Sebastian, Paul Simon, Pulp, David Byrne, Brian Eno), il nuovo album si discosta dalle piano ballads per abbracciare un pop sofisticato.

Another Me arriva dopo il grande successo del tuo album di debutto Little Black Book. C’è stata un po’ di agitazione nel tornare dopo un inizio carriera così sorprendente?
Volevo assolutamente che le persone apprezzassero la nuova musica, ma volevo anche assicurarmi di continuare a interessarmi alla musica che stavo facendo e pubblicando. C’è una grande citazione di Joni Mitchell su come “ti crocifiggeranno per il cambiamento e ti crocifiggeranno per essere lo stesso. Preferisco essere crocifisso per il cambiamento “. Mi sono decisamente aggrappata a questo durante tutto il processo di creazione.

Another Me suona diverso rispetto al tuo album precedente. La tua fase di scrittura delle canzoni è stata influenzata da alcuni album che hai ascoltato?
Non proprio. Avevo un’enorme cartella di idee per le canzoni che avevo messo insieme dal completamento di Little Black Book e ho inviato circa 30 dei miei preferiti a Leo (Abrahams, produttore di album) per iniziare il processo di decisione delle tracce da fare. Mi fidavo davvero della sua guida su quella che sarebbe stata la serie di canzoni più coesa, e penso che molta della differenza nel suono fosse dovuta al gruppo di persone con cui ho registrato e al modo in cui abbiamo deciso di registrare l’album. Volevo spingermi in una nuova direzione e sperimentare diversi paesaggi sonori.

 Puoi spiegare alcuni dettagli sul processo di registrazione? È stato influenzato dalla pandemia di Covid-19?
Fortunatamente, abbiamo registrato l’album nell’aprile del 2019, quindi Covid non era ancora nel nostro radar.
Il processo di registrazione di “Another Me” è stato decisamente diverso da Little Black Book. LBB era un album dal suono molto “band”: abbiamo provato ogni canzone più e più volte insieme e poi siamo andati in studio e ognuno ha registrato i nostri strumenti. Per “Another Me”, siamo entrati con demo per ogni canzone che avevo fatto a casa, ma gli arrangiamenti e le strutture erano completamente sconosciuti. Quindi lo studio è stato un momento di scoperte, al contrario di LBB quando quel periodo di tempo era nelle prove prima della registrazione.

I testi sono una sorta di autobiografia. Si potrebbe considerare questo una sorta di concept album su te stessa?
Mi piace pensare che entrambi i miei album abbiano temi generali, e questo sembra portare un filo conduttore che è davvero incentrato sull’indagine e sulla scoperta di sé. Ho scritto queste canzoni durante un periodo di crescita e imparando a stabilire dei confini nelle relazioni tossiche nella mia vita, disimparando le cattive abitudini di rimpicciolirsi e non occupare spazio. Non so se fosse intenzionalmente un “concept album”, ma credo che le canzoni provengano tutte da diverse angolazioni di un processo difficile perché sono state scritte durante tutto il processo.

 What Do I Want? è una lettera d’amore alla tua musica. Hai mai avuto un momento in cui odiavi la tua musica e stavi pensando di lasciare la tua carriera come cantautrice?
Ebbene l’odio è una parola forte! Sono molto dura con me stessa, ma posso sempre capire perché ho scritto qualcosa anche se non penso che sia stata la decisione migliore in seguito a posteriori. Una cosa a cui cerco di aggrapparmi è che le registrazioni siano istantanee di un momento della tua vita e che racchiudano ogni elemento della canzone – i testi, l’arrangiamento, la produzione – Queste sono tutte piccole decisioni che prendi in questo momento e perché siamo in continua evoluzione, così come le tue opinioni sulle decisioni che hai preso in quel momento. Ma cerco di avere fiducia di aver fatto le scelte che ho fatto in quel momento per un motivo e continuo a guardare avanti.
L’industria musicale è difficile, soprattutto ora con Covid, ma scrivere musica è sempre stato il luogo in cui mi sono sentita più simile a me stessa, quindi non mi vedo essere completamente integra e fare nient’altro.

 Nel 2019 hai pubblicato un singolo e il video per CTRL, un potente messaggio diretto al femminile. Pensi che la misoginia sia ancora un problema in questi giorni?
Oh assolutamente. È ancora un problema enorme, ma penso che si stia verificando un cambiamento in cui il dialogo si sta aprendo in modo che le persone si sentano più a proprio agio nel parlarne, il primo passo verso qualsiasi cambiamento e miglioramento. Ma non c’è dubbio che essere donne porti ostacoli che gli uomini non devono affrontare e che spesso le volte non riconoscono nemmeno. Ecco perché parlarne è così importante.

 Pensi che il mondo della musica debba diffondere più messaggi politici? E sei preoccupata per le imminenti elezioni del prossimo Presidente degli Stati Uniti?
Sono estremamente preoccupata per questo. Sono stati 4 anni incredibilmente difficili e vedo che il nostro attuale Presidente sta adottando così tante misure per minare le prossime elezioni e rendere ancora più difficile per le persone sentire la propria voce. A chiunque legga questo negli Stati Uniti, assicurati di inviare la tua posta nelle schede in anticipo, con doppio timbro, con tutti i tuoi candidati ben studiati. Il cambiamento nel nostro governo e ciò che ha fatto a livello politico globale è spaventoso, ma il lato positivo è che i giovani sono più sintonizzati e coinvolti di quanto io abbia mai visto. Credo nella mia generazione.

SARAH WALK
‘Another Me’
28 agosto 2020
One Little Independent Records/Audioglobe
 
Tracklist:
 
Unravel – What Do I Want? – Another Me (Fix Myself) – Nobody Knows – Same Road –
The Key – On The Outside – Crazy Still – Take Me As I Am – Flowers Grow –
No Good Way To Say Goodbye – Secrets (Bonus Track)
 
PRAISE FOR SARAH WALK:
Unfiltered and utterly beautiful”, Sunday Times (Breaking Act)
 
Beautiful and compelling…I think she’s one to watch”, Lauren Laverne (BBC 6Music)
A visceral, poignant work”, Clash
Her honest and often gut-wrenching songwriting demonstrates an artistic and emotional maturity that is rarely found in an artist so young” Metro
 
Intimate and stirring”, Dork
 

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.