Music Attitude

Biffy Clyro, il report e la scaletta del concerto a Milano del 1 ottobre 2018

biffy-clyro-scaletta-report-concerto-milano-1-ottobre-2018

Qualche giorno fa, una persona che conosce molto bene i Biffy Clyro, e che non si è mai persa un loro concerto su suolo italico da anni a questa parte, mi ha detto “Chiara, quando li vedrai suonare vestiti, rimarrai sconvolta”. In effetti, perdonatemi il gioco di parole, la “veste” in cui Simon Neil e soci si propongono per questo “MTV Unplugged Tour”, che ha toccato anche l’Italia per un’unica data da tempo sold out il primo ottobre 2018, nell’esclusiva e intima cornice del Teatro dal Verme di Milano, è una vera e propria novità per chi è abituato ai soliti show muscolari e fisici della band scozzese.

Camicie e palandrane a parte, una delle prime sorprese della serata è la setlist, che non si limita semplicemente a riproporre i brani ri-arrangiati in acustico presenti in “MTV Unplugged (Live At Roundhouse, London)” (pubblicato lo scorso 25 maggio). In scaletta quindi non solo grandi successi, ma anche qualche chicca (come “The Rain”, estratta dalla raccolta “Similarities”) e un brano inedito (“Adored”), in un viaggio nella produzione dei Nostri non di certo esaustivo, ma specchio perfetto del mood dello show. “The Captain” dà inizio a un set in cui “Only Revolutions” è uno degli album più saccheggiati, insieme al doppio full-length “Opposites”, passando per “Ellipsis”, la più recente fatica di Neil e soci, ma senza dimenticare un tuffo nel passato con “Puzzle” e soprattutto “Blackened Sky” (“Justboy” ha fatto la gioia dei fan della prima ora). Per non parlare della conclusione con la doppietta “God & Satan” e Many of Horror”, accolta da una standing ovation globale.

Sul palco, oltre al trio composto da Simon Neil (voce e chitarra), James Johnston (voce e basso) e Ben Johnston (voce e batteria) anche il secondo chitarrista Mike Vennart, il pianista Richard Ingram e una violoncellista, immersi in un’atmosfera onirica (chi di voi ha notato la somiglianza con l’ambientazione del video di “God & Satan”?), al centro della quale troneggia un grande albero spoglio immerso nella nebbia, circondato da cespugli, piante rampicanti, fari e lucine.

Si parlava di piacevoli sorprese qualche riga sopra, e la seconda e più importante conferma che deriva dall’unica data italiana per quest’anno dei Biffy Clyro è vedere il trio completamente a proprio agio in un contesto che in realtà non appartiene loro (e infatti Simon Neil lo ribadirà più volte nel corso della serata, oltre a sembrare talvolta “costretto” in un ruolo che seppur gli calzi bene, non è nelle sue corde di frontman con l’argento vivo addosso, come riprova la rabbia e il dolore a stento trattenute nelle ultime strofe delle struggenti “As Dust Dances” e “Machines”), in grado di non annoiare il pubblico e anzi di emozionarlo per quasi due ore di concerto, cosa che non riesce a tutte le band, soprattutto se sradicate dalla propria comfort zone.

Il motivo principale della perfetta riuscita di uno show per molti versi rischioso risiede non solo nella maturità e nell’esperienza che i Biffy Clyro hanno raggiunto oggi dopo quasi vent’anni di carriera, ma anche nel legame (di sangue) che li tiene uniti, una sintonia che ormai si è trasformata a tutti gli effetti in sinergia.

Scaletta concerto Biffy Clyro

The Captain
Biblical
Saturday Superhouse
Re-Arrange
Drop It
Black Chandelier
As Dust Dances
Folding Stars
Different People
Different Kind of Love
The Rain
Mountains
Adored
Opposite
Justboy
Medicine
Small Wishes
Bubbles
Machines

Encore:
Friends and Enemies
God & Satan
Many of Horror

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.