Music Attitude

Duran Duran, il report del concerto di Milano del 12 giugno 2016

duran-duran-report-concerto-milano-12-giugno-2016

duran-duran-report-concerto-milano-12-giugno-2016Inossidabili Duran Duran. Le rughe iniziano a farsi impietose (soprattutto per l’amatissimo John Taylor) ma la grinta e la carica rimangono sempre quelle.

Giunti a conclusione delle date italiane, lo Street Art Music Festival di Milano saluta la band con una grande partecipazione di pubblico. La band si presenta come se fosse il 1983, con lo stesso sassofonista e due coriste (apprezziamo sempre tantissimo Anna Ross, con loro dal 2006 circa), e propone una scaletta ottimamente bilanciata.
Si capisce che non c’è tempo per cazzeggiare, dato che dopo la legittima apertura con la nuova “Paper Gods” piazzano a ruota “Wild Boys” e “Hungry Like The Wolf“. Ma la band non ci sta a passare per un residuato bellico degli anni ’80, non si limita ai classici sicuri dei primi dischi: ecco quindi anche “Reach up for the Sunrise” (dal disco della reunion), i classici degli anni ’90 come “Come Undone” e “Ordinary World” e pure la cover di “White Lines”. Il pubblico apprezza tantissimo, e dimostra di aver imparato alla grande anche il au-au-au-au-au-au della nuova “Pressure Off” (altri estratti del nuovo disco “Last Night in the City” e “What are the Chances?”).

Ottimi suoni, band in palla e che si diverte un sacco mentre intrattiene il pubblico; Simon, il solito mattatore gigione, nonostante l’età ha gestito ottimamente la voce. In tutto questo ben di Dio i video di sfondo sul megaschermo sembravano un po’ di serie B (a parte il classico contributo con una giovanissima Elizabeth Hurley)… Ma forse la band preferisce avere tutta l’attenzione su di sé.
Altri classici con “A View to a Kill” da 007, “Planet Earth” interpolata a “Space Oddity” come tributo a David Bowie e “Girls on Film”. Finale con le immortali “Save a Prayer” e “Rio” e buonanotte dopo più di un’ora e mezza di grande musica. Un’ ottima data per un tour che sta dando parecchie soddisfazioni alla band inglese.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.