Music Attitude

La Rua, il report del concerto a Milano del 26 gennaio 2017

la-rua-report-concerto-milano-26-gennaio-2017

Ci sono concerti che riportano, inevitabilmente, indietro nel tempo.  Questo è ciò che mi hanno regalato i La Rua a La Salumeria della Musica, ieri sera, 26 gennaio 2017,  a Milano. Ti ritrovi a riviverti il prima, il prima di aver intrapreso la strada della scrittura, il prima delle sedie comode, il prima delle gare di pubblicazione, il prima in cui eri tu con tanti sogni per la testa e le emozioni che rivivevano tra le note. 

Una data evento, ma un concerto sudato, cantato, in cui sembra esser stata investita una vita. Non è cosa da tutti. La romana “pacca” (la botta musicale, come direbbero i milanesi bene) o ce l’hai o non puoi camuffare di possederla. Ecco i La Rua, sono quella cosa lì, quella potenza musicale che arriva in modo sincero e diretto. Quell’assetto originale sul palco, ma che di quell’originalità fa il proprio timbro. Tante persone accorse, c’erano coppie che si son baciate senza sosta per tutte le due ore quasi che quel “ti amo ancora” (“Il futuro era ieri con te”) volessero imprimerselo nel cuore. C’erano padri e madri che, con la scusa di accompagnare le figlie, non sono riusciti a camuffare il loro esser fan, forse anche più delle stesse. C’era chi arrivava direttamente da Roma (dove i ragazzi si sono esibiti la sera prima) e alla prima nota ha dimenticato la stanchezza di chilometri e fusi orari. C’eravamo noi che, per deontologia professionale, avremmo dovuto ascoltare quel live in modo impettito,  ma che ci siamo trovate sotto palco a sentirlo di pancia saltando e cantando sin a perder la voce. 

Perché i La Rua sono questo, non importa che stiano proponendo una delle cover, magistralmente riarrangiate (vedi alla voce “Radioactive” o “La sera dei miracoli”) o un loro inedito, tu sei lì che sorridi. Li ho definiti portatori sani di messaggi positivi, qualche giorno fa in un’intervista assurda fatta mentre Daniele stava ancora spalando neve, e lo riconfermo ancora oggi. Sì perché “Sotto effetto di felicità”, “I tuoi rimedi”, “Non sono positivo alla normalità”, “Non ho la tristezza”, “Polline”, “Il sabato fa così” e “Tutta la vita questa vita”, non sono canzonette. Sono inni che trasudano di vita a anche speranza. E di quest’ultima siamo diventanti privi, o quantomeno bisognosi di ritrovarla.

Così, ti ritrovi a urlare a gran voce quel “Non ho la tristezza”, quasi che fosse proprio lì davanti a te. Ti ritrovi scritta tra le parole di quel “Non sono positivo alla normalità”, nel tentativo quotidiano di fuggire dalle abitudinarie sensazioni. Ti trovi a pensare al tempo che passa in quel “Sotto effetto di felicità” e ritrovi le tue priorità tra le note di “Tutta la vita questa vita con te”.

Nel tempo in cui viviamo, in cui ci crogioliamo facilmente nella malinconia, lasciandoci cullare da note e testi che rimandano a qualche astrale dannazione dell’anima, dico a gran voce che sì, ci vorrebbero più La Rua sul nostro cammino, che bisognerebbe dar più spazio a band come quella capitanata da Daniele Incicco dove polvere e chilometri di furgoni, sale prove e ricerche strumentali nuove, si sentono sotto pelle. Che se si dovesse davvero parlare di meritocrazia, i La Rua quel posto tra i Big della musica se lo sarebbero ormai più che guadagnato.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.