The Crimson Projeckt, il report del concerto di Torino del 14 luglio 2014

the-crimson-projeckt-report-concerto-torino-14-luglio-2014

the-crimson-projeckt-report-concerto-torino-14-luglio-2014

Si potrebbe pensare che scegliere un concerto dei The Crimson Projeckt – come quello andato in scena al GruVillage di Grugliasco (Torino) il 14 luglio 2014 – sia un modo per ripiegare e accontentarsi, dal momento che ascoltare i King Crimson dal vivo non è più possibile. E nessuno potrebbe biasimare un qualunque estimatore del progressive rock se ingenuamente prendesse posto tra la pletea con questo spirito. Ci penseranno poi i sei musicisti a far capire che la benedizione di Robert Fripp è arrivata anche e soprattutto perchè il sestetto è in grado di portare sul palco lo spirito della leggendaria band britannica dando però nuova linfa ad un genere che è sempre più vicino all’oblio.

Sul palco l’alchimia tra le due formazioni è una meravigliosa scoperta, con il ritrovato assetto double-trio che catapulta i fan dei King Crimson al periodo ‘94-’97, anni di sperimentazione. Da un lato Tony Levin, Pat Mastellotto e Mark Reuter che danno vita alla band nota come Stick Men, mentra ad occupare l’altra regione di palco ci sono i membri del The Adrian Belew Power Trio con Andrian Belew (inaspettato eh?), Julie Slick e Tobias Ralph. I talentuosi artisti propongono sul palco in maggior percentuale il repertorio dei King Crimson dagli anni ‘80 in avanti, ma si prendono anche i loro rispettivi spazi per presentare al pubblico i pezzi propri, che si rivelano essere tutti validi. L’aspetto più affascinante del concerto è il modo in cui ci si rincorre nel gioco della rivalità, con continue finte sfide, soprattutto per quanto riguarda le percussioni. In realtà la sensazione è che gli artisti vogliano in qualche modo raggirare il pubblico facendogli credere di essere in competizione, fomentando quell’insana e primordiale fame di scontri, con vincitori e vinti. Solo che più ci si inoltra nella setlist, più ci si rende conto che non ci saranno vinti, ed è così che le intenzioni della band vengono a galla. Tutto il magnifico alternarsi e accompagnarsi sul palco fa parte di un grande disegno in cui ogni elemento si incastra perfettamente. Il pubblico risponde calorosamente sui grandi pezzi dei Crimson, come “Sleepless” o l’irresistibile “Indiscipline”, ma anche brani come l’ipnotica “Soup” degli Stick Men o “E” del Power Trio regalano momenti di grande coinvolgimento. Da segnalare la perfetta contrapposizione tra la pacatezza e l’introspezione di un personaggio enigmatico come Tony Levin, che parla anche un affascinante italiano che si inceppa sulla fondamentale parola “improvvisazione”, e la grinta e l’esuberanza di Andrian Belew, che si sbizzarrisce sia alla voce che sulle corde dello strumento. Entrambi unitisi ai King Crimson nel 1981, dimostrano di avere ancora la chimica necessaria a trasformare il loro immenso talento da musicisti in qualcosa di organico.

Concluse le due ore di show, accontentati i fan dei Crimson e stupiti gli ingenui di cui sopra, nessuno potrà più pensare ad un semplice ripiego. Questo The Crimson Projeckt è un must per chiunque abbia anche solo mai flirtato con il prog.


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.