The Cure – Palasharp, Milano 2 marzo 2008


Sold out da secoli questo concerto dei Cure. Il ritorno di Robert Smith e compagni in Italia ha fatto uscire di testa darkettoni stagionati, istrionici individui dagli improponibili travestimenti, parecchia patata e un buon numero di giovani leve più che ispirate.
Se escludiamo qualche scena patetica davanti al botteghino che non vendeva ovviamente biglietti ma che re-indirizzava agli amici bagarini, e qualche faccia da minchia di troppo che ostruiva la cassa accrediti per minuti e minuti, l’ingresso filava liscio fino a quando partiva qualche bottigliata tra napoletani che non erano d’accordo sulle zone di spartizione per i venditori abusivi di tickets. We love lava.

Nelle prime file c’era un po’ troppa ossessione, fuori luogo per un concerto che non richiede certo immani sforzi da pogo o da pressione transennistica, qualche ragazzetta s’è anche sentita male, proprio quando i Nostri hanno attaccato “Prayers For Rain”. Insomma l’evento era proprio atteso, si è avuta la sensazione di partecipare a una cosa probabilmente irripetibile e di essere parte di un avvenimento da raccontare. Ed è stato proprio così.
Nessun orpello eccessivo onstage, scenografie ridotte all’osso, tanta ma tanta musica (quasi 3 ore) e una vagonata di brani nuovi, vecchi, classici, proposti con un’energia rock (senza tastiere oltretutto) insospettabile e graditissima.
Ecco bene o male è tutto qua, anche perché i The Cure sono un gruppo ultra-storico che ha dimostrato di godere di ottima salute nonostante l’età; raccontarvi delle emozioni che mi hanno provocato una “Pictures Of You”, una “Just Like Heaven” o “Disintegration” sarebbe superfluo. Guardate voi stessi la setlist e fatevi i conti.
Delirio collettivo sui tre pezzi conclusivi, vera summa di un certo modo di intendere il rock dark e retrò che è sembrato tremendamente attuale ancora nel 2008.

Setlist: Plainsong, Prayers For Rain, Alt.end, A Night Like This, The End Of The World, Lovesong, Pictures Of You, Lullaby, Catch, From The Edge Of The Deep Green Sea, Kyoto Song, Please Project, Push, Just Like Heaven, A Boy I Never Knew, If Only Tonight We Could Sleep, The Kiss, Us Or Them, Never Enough, Wrong Number, The Baby Screams, One Hundred Years, Disintegration, At Night, M, Play For Today, A Forest, The Lovecats, Friday I’m In Love, In Between Days, Freak Show, Close To Me, Why Can’t I Be You?, Boys Don’t Cry, 10:15 Saturday Night, Killing An Arab.

P.L.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.