Music Attitude

Todays Festival 2019, le foto e il report della prima giornata

foto-concerto-todays-festival-torino-23-agosto-2019-9

La figata di vivere a Torino è che anche quando le vacanze finiscono, anziché limitarsi a tornare a casa tra le lacrime e i panni sporchi da lavare, si può gioire ancora una volta, perché ad accoglierci c’è lui: il Todays Festival. L’amico che da cinque anni più che addolcire la pillola di fine estate la rende una caramella, una Goleador gusto Cola. Quindi, se sei di Torino, l’ultimo weekend di agosto hai un appuntamento fisso e ti ci presenti abbronzato e pronto a fare il pieno di buona musica.

Il 23 agosto si inaugura dunque la quinta edizione della kermesse torinese, che tra lo sPAZIO211 Open Air e l’ex Fabbrica INCET ospita il primo segmento di una line-up interamente internazionale, variegata e di estremo interesse per ogni musicofilo.

Ad aprire le danze c’è Bob Mould, peso massimo del rock americano e leggendario leader degli Sugar e – soprattutto – degli Husker Du, band post-hardcore che seminò il panico negli anni Ottanta e che ancora oggi raccoglie proseliti tra chi ha il coraggio di addentrarsi nei meandri della scena alternative statunitense dell’epoca. Ma il peso di un artista del calibro Mr. Mould non si misura solo in base alla rilevanza del suo pregresso: al suo undicesimo album solista, dopo essersi reinventato più e più volte, Bob Mould riesce ancora a salire su un palco in pieno pomeriggio e stupire il suo pubblico armato solo della sua inconfondibile voce e delle sua fidata chitarra elettrica.

Tocca poi ai Deerhunter, con i suoni migliori della giornata e un live impeccabile che patisce un po’ il caos dell’ora di punta ai cancelli e dell’ora di cena all’area food&drink dello sPAZIO211. L’inafferrabile band indie rock di Atlanta, capitanata dell’enigmatico Bradford Cox, riesce comunque a incuriosire chi ancora non li conosceva e a confermare la loro ottima forma a chi da anni li segue. Ed ecco che di colpo la data di novembre al TPO di Bologna entra di diritto nella wishlist dei concerti del prossimo autunno.

L’highlight della serata è tutto degli Spiritualized. Il combo guidato dalla diabolica mente di Jason Pierce, per gli amici J Spaceman, si prende infatti il Todays Festival e lo fa suo, lasciando un segno indelebile nella storia (per ora breve) della manifestazione. Jason passa l’intero live seduto, concentrato, immerso nella sua arte e per questo incredibilmente ipnotico.
Oggi la maggior parte della musica è messa insieme in fretta e pubblicata solo per tornare in tour. Io volevo fare un disco che meritasse davvero di esistere”, questa la premessa di J Spaceman all’uscita di And Nothing Hurt, ottavo album in studio degli Spiritualized. Ed è proprio questo nuovo importante capitolo a guidare lo psichedelico show del combo britannico, con qualche doverosa incursione nel resto della loro monumentale discografia. Un’esibizione di rara bellezza, chiusa con un’indimenticabile cover dell’inno gospel “Oh Happy Day”.

A chiudere il day one del Todays ci sono gli iconici Ride, accorsi a colmare il vuoto lasciato dai Beirut, che appena qualche mese fa furono costretti ad annullare il loro intero tour estivo europeo per motivi di salute. Per fortuna la direzione artistica del Todays Festival è riuscita a trovare un degno sostituto. I Ride, riformatisi nel 2014 dopo quasi due decenni di inattività, sono riusciti a riposizionarsi lodevolmente nella scena alternativa britannica, recuperando il tempo perso con un’intensa attività live. Forti del loro ruolo primario nella diffusione dello shoegaze di fine anni Ottanta, Bell e soci sono oggi un monumento vivente alla musica inglese, tra Britpop, Space Rock e quell’irresistibile fascino del rock psichedelico. Dopo le esperienze come bassista degli Oasis e degli sfortunati Beady Eye, Andy Bell ha ritrovato una seconda giovinezza artistica rimettendo in piedi la sua storica band e lo dimostra ancora una volta sul palco del Todays. Pur non riuscendo a oscurare la magia degli Spiritualized, i Ride mettono la loro vistosa firma in una serata perfetta. Auspicabilmente la prima di tre, al Todays Festival 2019.

Foto di Franco Rodi

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.