Tre Allegri Ragazzi Morti & Sick Tamburo, le foto e il report del concerto di Torino dell’11 dicembre 2014

tre-allegri-ragazzi-morti-sick-tamburo-foto-concerto-torino-11-novembre-2014

tre-allegri-ragazzi-morti-sick-tamburo-foto-concerto-torino-11-novembre-2014

Essere un gruppo spalla ha sempre le sue difficoltà: in primis hai la certezza che la maggior parte del pubblico non sia venuta per vederti, amici e parenti esclusi; in più, devi confrontarti con qualcuno che sicuramente sa qualcosa in più di te, che sia per l’esperienza o bravura tecnica.
Ma tutto questo discorso non vale se ti chiami Sick Tamburo e se ti devi esibire all’Hiroshima Mon Amour di Torino, assieme ai molossi dei Tre Allegri Ragazzi Morti.
E’ quello che è successo lo scorso giovedì 11 dicembre, in occasione di una delle “sole” sette date in due mesi (come ha specificato Toffolo in chiusura) che vedranno il team-up fra le due band di Pordenone, unite dalla loro esperienza decennale e dal tetto della casa discografica “La Tempesta”.

La collaborazione è stata inaugurata dalle note dure dei Sick Tamburo, in cui Mr.Man e Boom Girl (al secolo Gian Maria e Elisabetta dei Prozac+) hanno catalizzato l’attenzione sulle loro maschere con “Qualche volta anche io sorrido”, brano di apertura sia del tour che dell’album “Senza Vergogna”. La promessa delle chitarre sempre taglienti è stata mantenuta per tutta la scaletta, in un percorso fatto di presenza scenica e bravura strumentale che le voci, contrastanti ma armoniche fra di loro, hanno sorretto con tutta la loro decennale abilità. I picchi catartici si sono raggiunti con i battiti di mani di “Parlami per sempre” e la comparsata di Toffolo ne “Il fiore per te”, in cui la vicinanza artistica fra i due gruppi era talmente palpabile da coinvolgere tutti in maniera gioiosa. Ed è proprio in questo clima di partecipazione che si è chiusa la prima parte del concerto, con i ringraziamenti di rito e l’impazienza del cambio palco.

Quello che è successo dopo si può riassumente come un lunghissimo istante amarcord, in cui i Tre Allegri Ragazzi Morti portavano vent’anni di vissuto sul palco in pezzi nuovi o vecchi ma comunque contemporanei. Ed è così che si è snodata la durata del concerto, iniziando da una classica “Il principe in bicicletta”, passando per l’eco strappatonsille di “Il mondo prima” (“…che arrivassi te”, e lacrime annesse) e chiudendo con una “Betty Tossica” d’eccezione in cui Mr.Man ha preso di diritto il microfono. Schiaffi dal passato come questo meritano la pausa che Toffolo ha concesso al pubblico e a se stesso, prima di riprendere con “La ballata delle ossa” accompagnato solo dalla sua stessa chitarra. Il momento di malinconia è scivolato incontrollato nella lunghezza eccessiva dell’encore, in cui ancora i nostri Ragazzi Morti, supereroi del tempo, sono riusciti a ravvivare i momenti di calo dell’attenzione con lo scherzo e l’ilarità che da sempre li caratterizzano. E, come ogni antologia che si rispetti, si è chiuso tutto nello stesso identico modo di sempre:
Toffolo: “La vita è cattiva ma non l’ho inventata io, il concerto è finito!”
Pubblico: “Vaffanc*lo!”
E una marea di applausi, tutti meritati.

Fotografie a cura di Andrea Marchetti.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.