Music Attitude

Daniel Tompkins: Tesseract e molto, molto altro

daniel-tompkins-interview-tesseract

daniel-tompkins-interview-tesseract

I TesseracT guidati da Daniel Tompkins sono passati in Italia per tre date lo scorso febbraio. Qualche ora prima del concerto milanese della band, abbiamo avuto il piacere di incontrare il carismatico frontman della formazione inglese (e non solo), per una lunghissima chiacchierata in cui ci ha raccontato a cuore aperto la sua avventura con la band e le sue innumerevoli attività collaterali, oltre al percorso artistico e personale che lo ha portato ad essere uno dei leader indiscussi dell’attuale scena underground. La versione italiana si trova sotto quella in inglese.

This is your first headlining tour in Italy, how were the other Italian dates? Did you have any particular expectation for the Italian tour?
They were good. But the contrast between Pordenone and Rome was completely different. Pordenone was good, it was not a very big concert hall and we didn’t quite fill it, but it was quite busy. The crowd was very still, they were very appreciative of what we were doing, which was fantastic. The fans in Rome always go crazy, it was a great response and we were doing great sales, it was a very good sign of progress to the band. To be honest we had no particular expectations, we always just focus on the music and being as professional as we can. That means a big deal to us, because we want to sound the best we can, we want to give people a good time, we want to impress people, and we want people to come back time and time again. So every time we tour we want to step up the game and become bigger and better. It takes a lot hard work.

Do you have some pre-concert ritual?
We all tend to eat together. It’s quite nice to do that. I’m quite fussy because being a singer I have to eat three hours before the show. That doesn’t always work out for everybody because the time changes every day. In terms of rituals not really. I think we all trust each other. We are at a point when we’ve been together, we’ve been friends for such a long time and we just know what to expect from each other, we all have a job to do. Even before we go on stage we can all be doing different things, when we step on stage it’s business.

How do you train your voice?
The thing is, when you tour, you’re constantly using your voice, so you don’t need to warm the voice up extensively. I just loosen the voice up, make it flexible, maybe spending 10-15 minutes doing exercises and then I quiet. I always make sure I have one hour before a show where I just completely relax, write lyrics, turn the computer, listen to music. Relaxation is such a big part of creating freedom when you sing. Some people get that wrong, they got pumped up, but that causes anxiety for me. I like just being in the zone.

Which are your main influences as an artist?
I always refer to three bands when I talk about not necessarily influences, because I don’t like to be influenced consciously. We are all influenced subconsciously by everything, all our surroundings, friends, music. I think it’s very important to be original. But at the same time I do enjoy listening to Maynard Keenan from Tool, Chino Moreno from Deftones, and also there’s a band called Dredg, they released one of my all-time favourite albums which is called “El Cielo”. It’s a very varied record for the sounds, the music, the instrumentations. I always go back to that record at some point.

And which (and when) was your first contact with metal?
Probably at the age of 15, when I listened to nu metal, Rage Against The Machine, System of a Down, Korn, Marilyn Manson. I used to be such a huge Marilyn Manson fan when I was a little, angry teenager. “Mechanical Animals” was one of my favourite albums. But then you move on, you mature, you listen to different things.

How was it like to come back to Tesseract after so many years?
It was amazing. I always like to talk about it because it just shows the progression of the band and all of us as individuals. When we first started and we were signed to Century Media Records we toured extensively for a few years and we really didn’t know what was gonna happen. And at that particular point during the first album we all struggled because the financial position of the band was not great. It’s a big sacrifice that you make. It got so difficult for me that I couldn’t sustain my lifestyle, so I had to leave and try of survive on my own two feet, and the touring aspect was very difficult, to be away from home. Even though I parted ways with the band we always remained good friends and we always talked about working together in the future in some way. And when they just realized they weren’t compatible with Ashe O’Hara (the old singer), and that this fact interrupted the creative flow, they messaged me. And luckily for me, during the time away from TesseracT I learnt to survive as a vocal coach, so I developed my own business. That meant that I have the freedom to rejoin the band, it was the right time. And now we signed a new record deal with eOne in the United States and Kscope in the UK. We couldn’t be happier. We got such an amazing team of people around us now and we got some exciting things to look forward in the future. We are very much focused on the future, cause we’ve seen the progression, the album sales gone up, every single album, the shows got bigger, and the fanbase is increasing. We are reaching a much wider range of people, it’s not just people that like metal, they like pop music, or dance music. They’re all drown to TesseracT for some reason. We feel very creative now, we have a lot of freedom to do what we like. And people who enjoy TesseracT like that. They like the excitement of knowing that, or not knowing, what is gonna come next.

I read that you have some new material ready that will probably debut during Download Festival, what should we expect from that?
I can’t necessarily say we are gonna release a new album. We hopefully gonna work on some reimagined tracks from Polaris, for the re-release of the album. That will be very different again, creative, experimental. But we are already working on the 4th studio album, we already have ten tracks.

Dreams are a recurring theme in many TesseracT’s lyrics. Which is their importance? Do you ever find inspiration from dreams themselves?
I used to find a lot of inspiration in my dreams. You know that point when you’re lying in bed and you put your earphones, and start listen to music and you fall to sleep. There’s a little point in between, transitioning from being awake to asleep. And it’s in that point where I find inspiration. I get very vivid images, I connect to certain emotions. But nowadays, I’m learning to draw inspiration from other areas like real life events, travelling, cause we travel so far and we have a lot of real life experiences to talk about.

Let’s talk about your projects. You are in so many bands that I’ve almost lost count. I know that White Moth Black Butterfly new album is about to be released, for example. What can you tell us about that?
The White Moth album is gonna be very exciting. We’ve increased the number of songwriters in the project now. We have KeshavDhar from Skyharbor, with whom we obviously worked on the first album, myself, a female singer called Jordan Turner, she’s now a full member of White Moth, and another guy called Randy Slaugh who is a great American composer. We’re gonna have a lot of real orchestral arrangements from the Utah Symphony as well. We have ten-eleven tracks ready, we have to finalize the vocals, and then mix, master, and hopefully release, at the end of this year or towards the autumn.

As for the “occasional” collaborations, one of my favourites is “A Dream in Static” with Earthside. How was this experience for you?
Very straightforward, very simple. They messaged me and said: “We are working on an album with a number of different high profile vocalists, we love what you do, would you like to be involved?”. Naturally I was involved in it. And I really like the idea of singing on the same album as Lajon Witherspoon from Sevendust, again one of my favourite bands, so that was one the reasons I did that. But the music as well is fantastic, they sent me a number of different songs, very beautiful. These guys are very clever people, very musically minded, and good business heads. They knew what they wanted to do, they knew how they wanted to sound, they knew precisely the type of vocalist they needed for each song. The process of recording was quite simple. They wrote the majority of the lyrics, I just had to learn it and put my own emotion into it. For me it was quite a different thing, because normally I create all of my lyrics and melodies. It was liberating because it was prewritten, so all I had to do was just to perform it.

All these collaborations and featurings would be impossible without technology, considering that you work with musicians all over the world. I think you truly believe in the power of the Internet and technology, don’t you?
Absolutely yes, it wouldn’t be possible without the Internet. A lot of people still try to find someone locally to form a band. But that’s not always the better solution. And I found that in the past as well, when you work with all the songwriters, mixers, and composers on the Internet and you have your own ability to record yourself, mix yourself, it just opens a world of possibilities and it’s a lot faster, very productive as well.

Tell me about your relationship with your fans, I know you’re very active and responsive on social networks.
That’s what I’ve always done, and probably one of the main reasons why I have such a strong following. There’s a lot of people out there that don’t communicate with fans and that’s fine if you want to do that. But I have to communicate with people, it’s a necessity to let people know what I’m doing, and encourage people to listen to music. Whenever I post, I have to put into consideration what target I’m trying to talk to, because the fanbase is worldwide, and you have to be careful at what time you post, and to whom you direct your post. Italy is within the group of countries I have to target because we have such a big following. We have the Italian Tesseract group as well, and they are very active, they made their own t-shirt for the Italian Polaris tour. It’s fantastic.

Questo è il vostro primo tour da headliner in Italia, come sono andate le altre due date fino adesso? Avevate aspettative particolari per il tour italiano?
Sono andate entrambe molto bene, ma il contrasto tra Pordenone e Roma è stato molto netto. A Pordenone abbiamo suonato in una venue non grandissima, c’era parecchia gente anche se non era sold out e il pubblico era davvero tranquillo e attento a quello che facevamo, il che è un’ottima cosa. Anche a Roma abbiamo venduto bene ma i fan erano completamente fuori di testa. Questi sono tutti ottimi segnali per il progresso della band. Non avevamo aspettative particolari in tutta onestà, come sempre siamo concentrati sulla musica e sul risultato finale. In fin dei conti è un lavoro a tutti gli effetti, e dobbiamo essere il più professionali possibile. Per noi conta moltissimo, vogliamo suonare al meglio, e vogliamo che i fan si divertano e tornino spesso a sentirci. Ogni volta che partiamo in tour ci mettiamo alla prova e facciamo di tutto per diventare sempre più grandi. Ci vuole davvero un mucchio di impegno.

Avete qualche rituale pre-concerto?
Di solito mangiamo tutti insieme, anche se è difficile che succeda perché dovendo cantare ho le mie esigenze particolari e devo cenare almeno tre ore prima del concerto. E non è detto che vada bene a tutti perché ogni giorno suoniamo a orari diversi. Ma rituali veri e propri non ne abbiamo. Penso che ci basti fidarci l’uno dell’altro. Siamo arrivati a un punto tale che vivendo a stretto contatto ed essendo amici da tutto questo tempo sappiamo esattamente cosa aspettarci e ciascuno di noi ha trovato il suo posto. Magari capita che prima dello show ognuno sia impegnato nei propri affari, ma quando saliamo sul palco diventiamo un’unica entità.

Come alleni la voce?
Il punto è che quando sei in tour, usi la voce in continuazione, quindi non c’è bisogno di chissà quali warm-up. Cerco sempre di lasciare la voce libera, flessibile, magari facendo esercizi intensi per massimo un quarto d’ora, ma poi sto a riposo. Prima di ogni concerto faccio in modo di ritagliarmi un’ora di relax totale, in cui scrivo, mi metto al computer, o ascolto un po’ di musica. Il riposo è la componente fondamentale nella creazione della mia personale libertà nel canto. Molti si caricano eccessivamente prima degli show, ma a me mette ansia. Mi piace andarci piano.

Quali sono le influenze principali che ti hanno portato ad essere l’artista che sei oggi?
Di solito mi riferisco a tre band quando parlo di influenze, anche se non mi piace essere condizionato consciamente. Tutti siamo influenzati inconsciamente da quello che ci circonda, dagli amici, dalla musica. Credo sia importante essere originali. Ma i miei capisaldi sono MaynardKeenan dei Tool, Chino Moreno dei Deftones, e i Dredg di “El Cielo”, uno dei miei album preferiti di sempre. Il sound e gli arrangiamenti sono semplicemente meravigliosi, è un disco che mi ritrovo spesso ad ascoltare.

E il tuo primo contatto con il metal quando è stato?
Forse a 15 anni, quando ho scoperto il nu metal, RageAgainst The Machine, System of a Down, Korn, e Marilyn Manson. Ero un grandissimo fan di Marilyn Manson quando ero un teenager incazzato. “Mechanical Animals” è uno dei suoi album che preferisco. Ma poi maturi, ascolti altro ed evolvi.

Com’è stato ritornare nei TesseracT dopo diversi anni?
È stato incredibile. Ne parlo sempre volentieri perché è una tappa fondamentale della nostra evoluzione come band e come singoli individui. Quando abbiamo iniziato avevamo appena firmato un contratto con la Century Media Records e siamo rimasti in tour per molto tempo,ma non avevamo idea di cosa sarebbe successo nel futuro. E c’è stato un momento poco dopo l’uscita del nostro primo album in cui la posizione economica della band non era delle migliori, essendo tutti giovani e avendo spese da affrontare una volta tornati a casa dal tour. Era un grandissimo sacrificio, ed io non ero pronto ad affrontarlo, così come non ero pronto a stare lontano dalla mia famiglia per troppo tempo. Quindi me ne sono andato e ho cercato di darmi da fare per sopravvivere. Anche se mi sono allontanato dalla band sono rimasto in ottimi rapporti con gli altri e ci siamo ripromessi di lavorare di nuovo insieme nel futuro, in qualche modo. E quando si sono resi conto di non essere compatibili con la personalità di Ashe O’Hara (il vocalist che ha sostituito Tompkins dal 2012 al 2014, ndr) e che questo fatto ostacolava il processo creativo, mi hanno scritto. E io, per mia fortuna, quando mi ero allontanato dai TesseracT ho iniziato a lavorare come vocal coach e una serie di attività che mi hanno aiutato a mantenermi. Ciò significa che finalmente avevo la libertà di movimento necessaria per decidere di rientrare nella band, era arrivato il momento giusto. Ora abbiamo firmato un contratto con la eOne negli Stati Uniti e la Kscope nel Regno Unito. Non potremmo essere più felici di così. Abbiamo un team fantastico che ci supporta e abbiamo in serbo delle cose straordinarie per il futuro. Proprio il futuro è il nostro focus, e siamo costantemente incoraggiati dalle vendite che salgono, dai concerti che diventano sempre più grandi, e soprattutto dalla fanbase che si espande, perché ormai per qualche motivo stiamo attirando persone che non ascoltano esclusivamente metal, ma anche pop, o dance. Siamo nel pieno della nostra creatività, e finalmente siamo liberi di fare ciò che ci piace. E al pubblico piace la versione attuale dei TesseracT, e sapere (o non sapere) quale sarà la nostra prossima mossa.

Rimaniamo ancora in territorio TesseracT. Ho letto che avete pronto del nuovo materiale che probabilmente debutterà durante il Download Festival, cosa dobbiamo aspettarci?
Non si tratta di materiale inedito nel vero senso della parola. Lavoreremo su una manciata di canzoni tratte da “Polaris”, per la re-release dell’album. Sarà ancora qualcosa di completamente diverso, creativo, sperimentale. Ma siamo già all’opera sul quarto album in studio, abbiamo pronti una decina di pezzi.

I sogni sono un tema ricorrente nei testi dei TesseracT. Qual è la loro importanza e ti capita mai di trarre ispirazione dai sogni stessi?
Un tempo mi lasciavo ispirare molto dai sogni. Sai quando ti metti a letto con le cuffie, fai partire la musica e ti addormenti? Bene, c’è un momento speciale nel mezzo, quando passi dalla veglia al sonno. Ed è lì che trovo la maggior parte delle idee. Vedo delle immagini molto vivide, mi connetto con delle emozioni particolari. Ma di recente, sto imparando a trarre ispirazione anche da episodi della mia vita e dai viaggi, perché siamo quasi sempre on the road e abbiamo un mucchio di esperienze di cui parlare.

Parliamo dei tuoi progetti, ne hai talmente tanti che ho perso il conto. So che sta per uscire il secondo album dei White Moth Black Butterfly, per esempio. Cosa ci puoi dire in merito?
Il nuovo album dei White Moth sarà molto interessante. Prima di tutto, è aumentato il numero di songwriter del progetto. Oltre a me, ci sono KeshavDhar degli Skyharbor, con cui abbiamo collaborato anche per il primo album, Jordan Turner, una vocalist che ora fa parte dei White Moth a tutti gli effetti, e RandySlaugh, un compositore statunitense molto quotato. Ci saranno anche degli arrangiamenti orchestrali a cura della Utah Symphony. Abbiamo già pronte una decina di canzoni, dobbiamo finalizzare le voci, mixare, fare il master e si spera di essere pronti per questo autunno o al più tardi per la fine dell’anno.

Per quanto riguarda le collaborazioni “occasionali”, una delle mie preferite è quella con gli Earthside in “A Dream in Static”. Ci racconti com’è andata?
Sono stati molto diretti. Mi hanno scritto così: “Stiamo lavorando a un album con una serie di vocalist di alto livello, ci piace quello che fai, ti va di unirti?”. E io ovviamente ho accettato. Poi sapere di cantare nello stesso disco in cui appare anche Lajon Witherspoon dei Sevendust, un altro dei miei vocalist preferiti, è stata una delle ragioni principali che mi ha convinto del tutto. La musica degli Earthside è straordinaria, mi hanno mandato anche altri pezzi da ascoltare, uno meglio dell’altro. Sono persone davvero intelligenti, non solo orientate alla musica ma anche con un ottimo fiuto per il business. Sapevano esattamente in che direzione muoversi, come doveva suonare il disco, e soprattutto sapevano esattamente di quale tipo di vocalist avevano bisogno per ogni canzone. Il processo di registrazione è stato molto semplice. Loro hanno scritto praticamente tutto il testo, io ho dovuto solo impararlo e metterci dentro le mie emozioni. È stata un’esperienza nuova per me, perché di norma oltre a cantare scrivo anche i testi e le melodie. Ma è stato liberatorio perché era tutto già scritto, e io ho dovuto solamente interpretarlo.

Tutte queste collaborazioni e featuring sarebbero impensabili senza la tecnologia, visto che hai a che fare con musicisti che vivono in tutto il globo. Immagino tu creda fermamente nel potere della tecnologia. È così?
Certo che sì, sarebbero stati impossibili senza Internet. Eppure ancora oggi sono in molti a cercare di fondare una band con gente della stessa città o vicina dal punto di vista geografico. Ma non è detto che sia la soluzione migliore. Da parte mia ho scoperto che quando lavori a distanza con songwriter, musicisti e compositori, e hai l’opportunità di registrarti e mixarti in autonomia, ti si apre un mondo di possibilità che trascende i confini ed è tutto molto più rapido oltre che produttivo.

Parlaci del tuo rapporto con i fan, so che sei molto attivo e partecipativo sui tuoi profili social.
È quello che ho sempre fatto, e forse è uno dei motivi per i quali ho un seguito così agguerrito. Alcuni preferiscono non comunicare con i fan, ma per me comunicare è un bisogno, sento la necessità di condividere con gli altri ciò che sto facendo, e incoraggiarli ad ascoltare musica nuova. Ogni volta che posto qualcosa poi, devo tenere presente a chi mi rivolgo, perché la mia fanbase è internazionale. Quindi bisogna stare attenti all’orario in cui si pubblicano i contenuti, e a chi andranno a rivolgersi i post. L’Italia, per esempio, è uno dei primi Paesi che prendo in considerazione perché i TesseracT qui hanno una fanbase molto nutrita. So che esiste il fanclub italiano dei TesseracT e che sono molto attivi, si sono fatti addirittura le t-shirt personalizzate per il Polaris Tour, sono fantastici!

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.