Music Attitude

Intervista agli Electric Pyramid, scoperti dai Queen e pronti alla consacrazione

electric-pyramid-intervista-2019

Li abbiamo visti insieme a Queen + Adam Lambert nel 2016 e poi ancora, di recente, come opening act dei Wolfmother a Torino, dove hanno conquistato il pubblico del GruVillage 105 Music Festival. In attesa di rivederli presto nel nostro Paese e su un palco tutto loro, abbiamo scambiato due parole con gli Electric Pyramid, band inglese a un passo dalla consacrazione.

Siete molto bravi nel creare potenti riff e ritornelli di grande impatto. Da dove partite quando scrivete i vostri pezzi?
Non abbiamo un vero metodo, ogni nostra canzone viene fuori in maniera del tutto differente dalle altre. Ma il più delle volte tutto parte dal suonare insieme, improvvisando e tirando fuori le idee sul momento. In base a quello che l’istinto ci suggerisce, confrontandoci, iniziamo a dare forma al pezzo. Non siamo ossessionati dall’idea di tirare fuori il ritornello o il riff perfetto, lasciamo che la canzone venga fuori naturalmente.

C’è qualche tema in particolare che vi ispira?
Sì, ce ne sono alcuni. In particolare le relazioni umane e la redenzione. In generale cerchiamo di parlare di sentimenti comuni, quelli che tutti noi condividiamo e che in qualche modo possono avvicinarci al pubblico.

Solitamente la stampa si diverte a fare una lunga lista delle vostre influenze musicali. Per esempio vengono spesso citati i Fleetwood Mac, i Led Zeppelin oppure i Queens of the Stone Age. Siete orgogliosi di questi accostamenti o preferireste liberarvene?
Credo che qualunque artista sarebbe lusingato nel vedere il proprio nome vicino a questi mostri sacri della musica. Ovviamente per noi è prioritario trovare una nostra identità e non dover dipendere dal confronto con gruppi leggendari. Un passo alla volta, la direzione è quella giusta. Per adesso ci portiamo a casa quelli che per noi non possono essere altro che complimenti.

A proposito di nomi leggendari… Com’è stato andare in tour con i Queen e Adam Lambert?
Un’esperienza incredibile! In realtà siamo partiti come gruppo spalla dei Queen Extravaganza, la tribute band live ufficiale dei Queen. Ci hanno visto suonare prima di loro e ci hanno scelto per il tour con Adam Lambert. Incredibile! Era la prima volta che suonavamo in alcuni Paesi dell’Est e siamo stati accolti magnificamente. Vorremmo tornarci sempre.

Qual è il vostro approccio alla musica dal vivo? Preferite essere impeccabili o intrattenere?
Per noi suonare dal vivo vuol dire condividere bei momenti, creare connessioni. La musica rock per noi non deve mai essere perfetta, impeccabile. Bisogna divertirsi e divertire. Ed è quello che proviamo a fare ogni sera sul palco.

Siete stati in studio con John Cornfield e Filippo Cimatti di recente. Cosa significa lavorare con dei produttori del loro calibro?
Per noi sono stati e sono una grande fonte d’ispirazione. Sono due persone piene di talento, artisti veri, ognuno con il proprio stile e il proprio modo di lavorare. Abbiamo imparato molto e speriamo di avere altre occasioni del genere in futuro. Lavorare con le persone giuste è fondamentale.

Vi siete prefissati obiettivi precisi per il vostro futuro o avete semplicemente intenzione di godervi il momento e vedere dove vi condurrà?
Un obiettivo ce lo siamo dati ed è quello di crescere costantemente, per suonare per un pubblico sempre più grande. Ci piacerebbe diventare una di quelle band che tutti vogliono vedere almeno una volta dal vivo. E ovviamente convincere tutti quelli che verranno la prima volta a tornare anche quelle successive.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.