Music Attitude

Odelay

Beck - 1996 - Alternative Rock

Beck è nel momento d’oro della sua carriera. Non pago di aver già scritto un disco epocale come “Mellow Gold”, e dopo la divagazione totalmente anticommerciale di “One Foot In The Grave” (1994), pubblicato per un’etichetta indipendente, l’artista torna alla Geffen e realizza quella che probabilmente è la sua opera migliore. In “Odelay” c’è spazio per tutto, e a rendere il lavoro così riuscito è la misteriosa alchimia in grado di tenere assieme frammenti di musiche talmente diverse che, ad un primo ascolto, sembrerebbero totalmente inconciliabili. Uno sterminato zapping sonoro realizzato tenendo ben salda la struttura – canzone; niente lunghe suite o piece di pura avanguardia, quindi, piuttosto brani perfettamente orecchiabili che però mutano d’improvviso e provocano un piacevole effetto – sorpresa. Nel cd sono presenti alcuni episodi che, per freschezza e inventiva, Beck non sarà più in grado d’eguagliare nelle sue pur ottime fatiche future: “Devils Haircut”, “Hotwax”, “Lord Only Knows”, “Novocane”, “Where It’s At” e “Sissyneck” mandano in cortocircuito rock, folk, country, blues, basi hip hop, rigurgiti acidi, cascami elettronici e persino derive noise con un’affabilità che ha dell’incredibile. Menzione d’onore per la psichedelia jazzata di “The New Pollution”, contenente un sample di sassofono che non si schioda più dalla mente.

Comments

comments



© Riproduzione riservata.