Music Attitude

Crooked Rain, Crooked Rain

Pavement - 1994 - Indie Rock

Si tratta di una sorta di “Slanted And Enchanted” riveduto e corretto il secondo disco di Stephen Malkmus e allegra combriccola. Ormai i Pavement si sono conquistati sul campo il titolo di “paladini dell’indie rock più creativo e sghembo del periodo”, e con “Crooked Rain, Crooked Rain” realizzano quello che nelle loro teste dovrebbe suonare come “il perfetto disco pop per i Nineties“. Ancora una volta assemblano suoni di diverso segno, oscillando fra Pixies, Hüsker Dü e Dinosaur Jr., ma le loro storte ballate si fanno un po’ più ‘dritte’, assumono un tono quasi ‘classico’, mentre la produzione smussa alcuni angoli e lascia che l’attitudine lo-fi venga mitigata da un più preciso lavoro in studio di registrazione. Non è un caso se “Crooked Rain…” risulta ancora oggi il cd più venduto dei Nostri. Si tratta comunque di un altro grande lavoro, così come si manterranno su livelli più che accettabili i tre successori del qui presente, con alcuni picchi raggiunti su “Brighten The Corners” (1997). Infine, la più influente indie band degli anni Novanta si scioglierà proprio allo scadere del decennio.

Comments

comments



© Riproduzione riservata.