“Paisà, non devi diventare famoso!”

Lacuna Coil

Il curioso meccanismo che scatta nelle menti degli appassionati di musica quando un gruppo e/o un artista italiano conquista fama, celebrità e grano al di fuori delle mura amiche ha dell’incredibile. Prendiamo un esempio attuale e localizzato tra le sonorità marcatamente hard a tinte gotiche: i Lacuna Coil.

Il gruppo milanese ha fatto il “botto” a titolo definitivo con il recente “Karmacode”, conquistandosi il popolo a stelle e strisce e donando a Cristina Scabbia e soci una popolarità inimmaginabile prima dell’uscita di “Comalies” (il precedente lavoro della band).
Osannati al tempo dell’EP di debutto e bollati come la risposta italiana ai The Gathering col successivo “In A Reverie”, ben accolti grazie a “Unleashed Memories” e velocemente scaricati come venduti alle esigenze di mercato (concetto pazzesco e vagamente romantico) alla release del già citato “Comalies”, i Lacuna Coil diventano oggetto del disprezzo dei fans di una volta, quelli che hanno comunque fornito la solida base da cui la band è partita per conquistare gli USA in soli tre anni.

Anziché un elemento di vanto, i Lacuna sono oggi il simbolo di adolescenti aspiranti gotiCose e di pischelli in cerca di cattiveria. Il problema, abbastanza grosso, è che i nostri comunque continuano a proporre buona musica e non poi così differente da quella degli esordi. Il management, la loro capacità di adattarsi al sound à la Evanescence in voga in un preciso lasso temporale, il battage pubblicitario e gli sforzi concreti dei componenti del gruppo, hanno oggi portato i LC a diventare una band heavy in grado di imporsi come pochissimi altri sul mercato estero. Sono poche le stelle del pop o della leggera italiana che sono riuscite a imporsi oltre confine nonostante una lunga militanza nelle charts nazionali. Il fatto che i Lacuna Coil ce l’abbiano fatta suonando heavy è un’aggravante positiva.

Lascia spaesati sentire gli stessi componenti del combo dichiarare “Oramai lavoriamo solo in America, non siamo più abituati a parlare in italiano” oppure sentirli a disagio di fronte al pubblico di casa. La realtà è che il nostro paese pullula di realtà valide che a causa della non cultura musicale presente in Italia sono destinate a rimanere confinate e destinate all’underground. Pensiamo non soltanto alle scene hard rock, ma anche alle comete hip hop da una stagione o ad artisti jazz scoperti dopo anni di attività. L’esterofilia unita alla chiusura mentale esasperata, al fatto che “se quelli sono famosi è perché si sono venduti anche se suonano bene”, rappresenta l’eterno problema della scena italiana alternativa, e più in generale della musica spontanea e non confezionata.

S.D.N.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.